fbpx

Il Natale è finito, ma a Reggio Calabria continua: luminarie ancora accese in pieno centro e inutile spreco di energia [FOTO]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Anche se il Natale è finito da una settimana, a Reggio Calabria continua con le luminarie ancora presenti e accese, con buona pace dello spreco di energia e delle già sofferenti casse comunali

Giocare a carte, mangiare a non finire. E poi i regali, l’albero di Natale, quel clima gioioso e magico. Il Natale è bello, ma non dura per sempre. Sono 15 giorni l’anno. Poi finisce. Arrivederci, ci si rivede l’anno prossimo. Non ovunque, però. A Reggio Calabria il Natale continua. A distanza di una settimana, infatti, il clima in pieno centro è quello natalizio. Luci, colori. Ecco, le luminarie. Sono ancora lì, installate a dicembre e presenti tutt’ora, come si può vedere dalle immagini da noi realizzate questa sera e presenti nella gallery scorrevole in alto.. La speranza? Che a Carnevale non intralcino i carri allegorici…

A parte l’ironia, non è (solo) una questione di organizzazione. Non è, insomma, come quei fuorisede che non smontano il presepe per ritrovarselo poi già pronto l’anno dopo, al ritorno. Ma c’è una questione decisamente più importante: le casse comunali. Continuare a mantenere illuminate le luci in pieno centro, anche quando non ha più senso, è un vero e proprio spreco di energia. E risorse. E denaro. Sempre ammesso che problemi ce ne siano. Così non sembrerebbe, a guardare le immagini, ma la realtà è ben diversa. Quantomeno è quanto ci viene descritto. “Non ci sono soldi”, il debito c’è ed è aumentato. E quindi, in teoria, si dovrebbe cercare di non sprecare dove possibile. In teoria, però…