fbpx

Lecce-Reggina, Di Chiara: “a caldo c’è nervosismo. Serve cazzimma, dobbiamo essere più figli di put***a”

Reggina-Parma Di Chiara e Laribi Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Le parole del terzino sinistro amaranto Gianluca Di Chiara al termine della sfida persa dalla Reggina a Lecce

“Parlare a caldo non è facile, c’è anche nervosismo e questo è innegabile. Penso che bisogna ripartire dalla prestazione, sembra di ridire le stesse cose ma secondo me abbiamo fatto un buon primo tempo. Dobbiamo portare gli episodi dalla nostra parte, dobbiamo prenderceli e cambiare rotta a livello di risultati”. Lo ha detto Gianluca Di Chiara a Reggina Tv al termine del match perso dagli amaranto a Lecce.

Problema fisico o mentale? Fisicamente, per quanto mi riguarda, sto bene e così anche i miei compagni – ha proseguito il terzino sinistro – E’ difficile trovare una motivazione, se la sapessi sarei il primo a cercare di risolverla il prima possibile. Stiamo lavorando e l’unica cosa da fare è questa. Se prima si dava il 100%, ora non basta neanche quello. Sono anche nervoso adesso, di certo il Lecce è un’ottima squadra ma noi possiamo giocarcela con tutti. L’approccio è stato importante: corti, aggressivi, alti. Purtroppo, se l’occasione di Cortinovis fosse entrata, magari staremmo a parlare d’altro. Ha ragione il mister quando parla di cazzimma, dobbiamo essere più figli di put***a“.