fbpx

Reggina-Parma, una classica degli anni 2000: da Pirlo e Baronio alle doppiette di Bernini, Amoruso e Cozza [VIDEO]

  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
  • Foto di Franco Cufari / Ansa
    Foto di Franco Cufari / Ansa
/

Reggina-Parma non si può non definire una classica degli anni 2000: ritorna dopo 13 anni e solo due cose sono rimaste intatte rispetto alle prime volte

Una classica degli anni 2000. Questa è Reggina-Parma, che ritorna a distanza 13 anni. 13 anni in cui, da entrambe le parti, è successo di tutto: fallimenti, ripartenze, grandi rinascite, nuovi imprenditori. Calabresi ed emiliani hanno rappresentato il calcio di provincia nei primi dieci anni del nuovo millennio: i primi come nuova realtà che si affacciava alla Serie A con entusiasmo, i secondi come grande big (faceva parte, allora, delle famose “sette sorelle”).

Due cose accomunano però quelle grandi sfide a quella che si giocherà domenica: un Granillo ribollente di passione e Gigi Buffon a difendere i pali dei gialloblu. I primi calciatori amaranto a trafiggere il campione al Granillo furono Roberto Baronio e Andrea Pirlo, quest’ultimo che condividerà tante esperienze col portiere tra Juve e Nazionale. Era il primo anno di A del club dello Stretto e i due giovani promettenti fermarono un Crespo in stato di grazia: 2-2 il finale, di seguito il video.

L’anno dopo, invece, a prendersi la scena fu Andrea Bernini, che ebbe l’onore di segnare non uno, ma ben due gol al portierone in circa mezz’ora. Furono le uniche due sue reti in massima serie nelle uniche sue due stagioni in Serie A. Un pomeriggio fantastico per lui, da ricordare, anche perché condito da due gol non banali, ma bellissimi. Prima conclusione da fuori angolata e potente, poi assolo da centrocampo, finta a disorientare il difensore e piattone piazzato alla sinistra di Buffon. Eccolo.

Gli anni passano e le cose cambiano, ma solo per il Parma. La Reggina è ormai una realtà importante in Serie A, il club ducale viene invece dal terremoto Tanzi e dal cambio di proprietà. Si ridimensiona, negli obiettivi, e diventa una diretta concorrente della Reggina. E così, nel 2006-2007, nella storica stagione del -11, ci pensa Nicola Amoruso a segnarne due: 3-2 il risultato finale. L’altro marcatore? Rolando Bianchi. Era lì che iniziava a nascere la coppia dei gemelli del gol.

Ultimo, ma non per importanza, Ciccio Cozza, colui che lega forse più di tutti i ricordi amaranto in Serie A. E’ lui il protagonista dell’ultimo Reggina-Parma. Reggina a 30, Parma a 31, a cinque giornate dalla fine. Segna Cigarini su rigore, la ribalta Cozza in 10 minuti in avvio di ripresa. Sarà la prima di tre vittorie consecutive che proietteranno la Reggina all’ennesima salvezza.

Ora, 13 anni dopo, è un’altra storia. Le due squadre si ritrovano in B: una con l’obiettivo di far bene, l’altra con quello di risalire immediatamente dopo la retrocessione. Epilogo? Lo scopriremo presto.