fbpx

Covid, a Reggio il primo caso di variante Omicron in Calabria: contagiato giovane medico che aveva già fatto anche la terza dose

reggio calabria primo caso variante omicron

Rientrato a Reggio Via Francoforte-Roma da Johannesburg, al momento sta bene ed ha solo un leggero raffreddore

Il primo soggetto positivo al Covid da variante Omicron in Calabria è stato rintracciato a Reggio. Si tratta di un medico, di circa 30 anni, tornato in Regione domenica scorsa con un volo da Francoforte via Roma, ma proveniente da Johannesburg. Vaccinato anche con terza dose, prima di partire si era sottoposto a tampone, il quale era risultato negativo. Al suo arrivo il nuovo tampone di controllo, sequenziato dal laboratorio di microbiologia dell’Asp 5 di Reggio Calabria, ha dato esito positivo, evidenziando l’appartenenza alla variante ‘Omicron’. “L’uomo sta bene, accusa solo un leggero raffreddore”, ha detto il responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp Sandro Giuffrida.

“Autonomamente, su disposizione del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Reggio – ha aggiunto Giuffrida ai microfoni di Ansa – aveva raggiunto la propria abitazione, con un’auto messa a disposizione dalla famiglia e si trova adesso in quarantena all’interno di locali a lui appositamente destinati”. Cosi come avvenuto per la variante ‘Omicron’, era stato sempre il laboratorio di microbiologia dell’Asp 5 reggina, a sequenziare nel giugno scorso il primo contagio di variante Delta in Calabria. Per confermare ulteriormente il risultato ottenuto a Reggio Calabria con un sequenziatore Sanger, una nuova verifica è fatta dai laboratori del Policlinico di Catanzaro, che hanno utilizzato un sequenziatore più accurato, che utilizza il metodo NGS. Ed il risultato è stato confermato. I dettagli sulla vicenda confermano quanto gli scienziati avevano affermato negli ultimi giorni: la nuova variante può manifestarsi maggiormente nelle persone più giovani e, nel complesso, finora è apparsa più lieve seppur più contagiosa.

Perchè Omicron può salvarci sancendo la fine della pandemia (e delle vaccinazioni)