fbpx

Boxe, terremoto nella notte: il Re è caduto! Usyk batte Joshua ai punti e vince il titolo dei massimi

Usyk batte Joshua Foto di Neil Hall / Ansa

Oleksandr Usyk ribalta i pronostici: il pugile ucraino supera Anthony Joshua ai punti e vince il titolo dei pesi massimi

Un tonfo a notte fonde, un rumore sordo e inaspettato. Più sono grossi, più fanno rumore quando cadono. Anthony Joshua pesa 109 kg, ma il suo status nella boxe moderna va ben oltre la bilancia: quando il re viene buttato giù dal trono, il frastuono è assordante. Terremoto nella tarda notte italiana, la boxe ha un nuovo re dei pesi massimi. Oleksandr Usyk ribalta completamente le aspettative della vigilia e batte Anthony Joshua ai punti con verdetto unanime (117-112, 116-112, 115-113) diventando il nuovo campione dei pesi mondiale dei massimi Wba, Ibf e Wbo. E pensare che nella testa di Joshua questo doveva essere un match intermedio per arrivare nella miglior forma possibile alla super sfida contro Tyson Fury, campione WBC. Come contro Ruiz, quando il britannico sottovaluta l’avversario, sono dolori.

Il New White Hart Lane, stadio del Tottenham, si trasforma in un’arena di boxe con tifo calcistico e discreto parterre di stelle: fra il pubblico volti noti come il pugile Wladimir Klitschko, il campione di atletica Mo Farah, il calciatore Declan Rice e la star di Hollywood Idriss Elba. Joshua smuove 66.000 spettatori. Un motivo in più che rende incredibile la vittoria di Usyk. Il pugile ucraino non sente la pressione e parte molto forte, Joshua risponde con un destro al corpo nel secondo round ma sembra giocare d’attesa, forse anche troppo. La guardia dello sfidante regge bene e l’ucraino trova una certa continuità di colpi, facilitata dal destro di Joshua praticamente assente. Il campione in carica si sveglia al sesto round piazzando un diretto destro seguito da un gancio destro che mettono le cose in chiaro.

Usyk però non si lascia intimidire: jab, sinistro e diretto destro, una combo davvero pesante da incassare anche per AJ. Joshua piazza un montante al corpo, Usyk incassa ma non barcolla. I due si prendono un round a testa, ma nell’ultimo l’ucraino piazza un gancio sinistro e poi chiude il campione alle corde. Un match equilibrato, con Usyk che ha mostrato una maggiore intraprendenza e più facilità nei colpi: niente male rispetto alle aspettative della vigilia che lo davano sconfitto. Il verdetto premia lo sfidante all’unanimità, Joshua incassa la seconda, meritata, sconfitta da pro. La boxe ha un nuovo re dei pesi massimi.