fbpx

Reggio Calabria, Marziale presenta la sua candidatura con Fratelli d’Italia: “basta con il commissariamento nella sanità, stessi diritti per tutti” [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggio Calabria: Marziale candidato con Fratelli d’Italia, l’ex garante regionale per l’Infanzia e l’Adolescenza è carico in vista delle elezioni regionali del 3 e 4 ottobre

Si è svolta questa mattina, presso il B’Art Café, sul Corso Garibaldi a Reggio Calabria, la conferenza stampa, con la quale il sociologo Antonio Marziale, già Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza per la Regione Calabria, ha spiegato le ragioni della sua “discesa in campo” alle imminenti elezioni regionali nella lista di Fratelli D’Italia per la Circoscrizione Sud, nella coalizione di Centro/Destra a sostegno del candidato Presidente Roberto Occhiuto. Ai nostri microfoni Marziale ha detto: “Ho accettato di candidarmi perché non rifuggo la politica, in questo momento troppe persone rifuggono la politica. hanno forse ragione perché la politica non da il meglio di se ma è il sale della democrazia ed è l’arma di risoluzione dei problemi della gente”. Apre così la conferenza stampa Antonio Marziale e continua: “Sono stato il Garante dell’Infanzia de dell’Adolescenza della Regione Calabria per 4 anni questi i risultati: Terapia intensiva pediatrica che i bambini calabresi non avevano mai avuto, 890 interventi sul territorio tutti documentati su 4 relazioni depositate al Consiglio Regionale”. Marziale racconta anche una delle azioni durante il suo mandato, forse quella che ricorda con maggior partecipazione, l’impegno profuso a favore della Ciambra a Gioia Tauro. Una zona dove non c’erano ne strade ne fogne ed adesso questi problemi sono stati parzialmente risolti e la piaga, sempre nello stesso quartiere, della dispersone scolastica che riguardava il 70% dei ragazzi. Azzerato dopo un intervento congiunto con altre istituzioni locali, politici e con la collaborazione della chiesa”.

“Se sarò eletto cosa farò? Lavorerò in squadra con Presidente Occhiuto, i problemi li sappiamo: trasporti vecchi, sanità non all’altezza, istituti scolastici non abilitati. La Calabria deve essere ricostruita. Ma la prima proposta che farò è quella dell’istituzione di un polo pediatrico regionale che diventi un fiore all’occhiello ed un modello anche per le altre regioni. Mi batterò inoltre affinché la Calabria abbia anche un reparto di Neuropsichiatria infantile, la nostra è la regione col rischio più elevato di disagio psicosociale dei minorenni. Un allerta che segnalo senza sosta da oltre 6 anni. Occorre divenire eccellenze anche in questi settori così come lo siamo già, in ambito sanitario, per esempio con la scuola di Formazione e Simulazione Aziendale per Emergenza Urgenza con sede a Taurianova attiva sin dal 2007”, sottolinea Marziale. L’altro tema Fondamentale che Antonio Marziale farà divenire cardine della sua opera politica è la legalità “sento parlare ormai troppo poco di legalità. Da Garante ho sostenuto il protocollo liberi di scegliere del Giudice Roberto Di Bella, grazie al quale molti giovani hanno la possibilità di lasciare le famiglie mafiose per costruirsi un futuro diverso”. L’ex Garante approfondisce riguardo la scelta di FdI sposando a pieno il concetto d'”Europa” di Giorgia Meloni, distante da quella che sembra essere un unione che presta attenzione più alle banche ed allo spread che alle persone. Infine Antonio Marziale ribadisce e conclude: “Sono sceso per chiedere un voto a coloro che sono liberi, a chi individua nella mia persona un interlocutore politico a cui affidare le istanze”. In alto la FOTOGALLERY, in basso l’INTERVISTA completa.

Reggio Calabria, Marziale (Fdi): “basta con il commissariamento nella sanità calabrese” [VIDEO]