fbpx

Reggina-Parma, Aglietti: “abbiamo fatto un primo tempo da squadra vera, la vittoria ci dà autostima e convinzione”

Aglietti Reggina

Le parole del tecnico amaranto Alfredo Aglietti, dalla sala stampa del Granillo, al termine del match tra la Reggina e il Parma

E’ un pomeriggio da sogno anche per lui, che soprattutto oggi avrà rivisto le belle domeniche del Vecchio Comunale da calciatore. Stiamo parlando di Alfredo Aglietti, che esalta i suoi per la vittoria di oggi contro il Parma: “una grande prestazione – ha detto il mister in sala stampa – E’ stato più sollievo alla fine, perché avevamo paura della beffa. Nel finale abbiamo fatto fatica, ma abbiamo gestito bene e nel gol preso c’è stato l’errore. Concedere così poco è merito della squadra, ci siamo difesi bene chiudendo ogni spazio. La fase di possesso è stata ottima, con costruzione e tante occasioni soprattutto nel primo tempo. Questo successo ci dà autostima e convinzione. Era importante il sostegno da parte della gente. Dedico il gol a mia moglie e mio figlio”.

Il primo tempo è stato da squadra veraprosegue – forse è mancato solo il raddoppio per le occasioni create. Loro sono sfiduciati ma hanno giocatori che possono metterti in difficoltà in qualsiasi momento. Poco lucidi in finalizzazione? Le occasioni vanno create, innanzitutto, ovviamente un pizzico di lucidità in più non guasterebbe. Non sono preoccupato per questo, perché abbiamo sempre creato, Pordenone a parte forse. Troveremo il modo di essere più incisivi. Abbiamo fatto 2 gol, creato 6-7 occasioni, la prossima volta vinciamo 5-0 e così siamo tutti contenti”, risponde stizzito il tecnico. “Non siamo una squadra stellare, ma una squadra buona. Abbiamo giocato contro il Parma, non contro l’Atletico Mariuccia”.

“Siamo arrivati in porta attraverso il fraseggio – dice ancora Aglietti – dalla parte di Di Chiara avevamo campo e l’avevamo preparata così. Dopo Pisa avevamo parlato dell’approccio, i primi 7-8 minuti  eravamo stati passivi, avevo chiesto questo e in queste ultime due partite si è visto. Dopo Pisa ero serenissimo, oggi non cambiano le prospettive. Ci sono altre due partite in questa settimana, non ci possiamo godere la vittoria. Menez? Ha fatto quello che gli avevo chiesto in fase di non possesso, ma non voglio parlare del singolo bensì della squadra”.

“La classifica? Parma e Monza hanno sempre due organici superiori agli altri, ma la B non è la A, dove vincono sempre Juve, Inter e Milan. Ci sono 12-13 squadre sullo stesso livello”.

Dopo Aglietti si presenta in sala stampa Loiacono: “quello di oggi è un ruolo a cui mi adatto facilmente, in fase di non possesso eravamo comunque in 3, spingeva di più di Chiara. Oggi abbiamo disputato un’ottima partita, sapevamo che era difficile. E’ importantissimo per noi avere il pubblico. Siamo partiti senza obiettivi e crescendo partita dopo partita. E’ questo quello che serve. Mi auguro che ne vengano sempre di più al Granillo, vorrei vederlo come l’anno della promozione”.

Queste, invece, le parole del tecnico del Parma Enzo Maresca: “E’ successo ciò che ci aspettavamo, una Reggina che partiva forte. Siamo dispiaciuti, vorremmo regalarci e regalare ai tifosi qualche punto in più, ma l’unica medicina è lavorare. Il gol a freddo un po’ ci ha spezzato le gambe, poi il rigore è l’unico episodio della ripresa in cui la Reggina si è resa pericolosa. I risultati e la classifica dicono che stiamo faticando, la graduatoria è complicata, è questa, ci dice che la distanza tra playoff e playout è più o meno uguale. Adesso non va guardata, va guardata quando conta, a febbraio. Paura di guardare dietro? No, paura assolutamente no”.

Reggina, Bellomo esulta: “prestazione perfetta, stiamo facendo un grande campionato”

“E’ stata una prestazione perfetta, avevamo preparato bene la gara in settimana. Sapevamo che il Parma è una squadra forte, ma che concede molto. Stiamo facendo un gran campionato, sia a livello di squadra che personale, sono contento, dobbiamo avere la consapevolezza di fare bene. Peccato che non sono riuscito a segnare, ho preso il palo e non la palla. Meglio vincere, mi interessa solo conquistare i tre punti. La Serie B insegna che prima bisogna arrivare a 50 punti, poi ti puoi divertire. Con il pubblico è tutto diverso, è già una vittoria, lo scorso anno abbiamo sentito l’assenza”. Ha affermato Nicola Bellomo al termine del match vinto dalla Reggina contro il Parma.