fbpx

Torre Faro: Messina può riappropriarsi di un punto suggestivo sullo Stretto | FOTO

/

Iniziate le operazioni di demolizione di due chioschi siti in via Palazzo, sul lungomare di Torre Faro

Hanno preso il via questa mattina le operazioni di demolizione di due chioschi siti in via Palazzo, sul lungomare di Torre Faro. L’abbattimento delle due strutture segue alla trasmissione della relazione tecnica inviata dal Commissario Leonardo Santoro al Dirigente del Dipartimento Servizi Tecnici, in merito ai due manufatti risultati pericolanti. Uno di questi sarebbe dovuto essere il luogo della “biglietteria”, mai utilizzato per le sue finalità previste. Il personale del Dipartimento Servizi Territoriali ed Urbanistici unitamente al Corpo di Polizia Municipale così, incaricati dal Commissario, avevano effettuato un sopralluogo lo scorso 28 aprile finalizzato a verificare lo stato delle due strutture. “Uno stato apparso, già da precedenti sopralluoghi finalizzati al recupero e valorizzazione, di grave degrado strutturale e di concreto rischio di collasso strutturale a causa dell’avanzata ossidazione delle strutture portanti sotto le quali era permesso il libero accesso – si legge nella nota – . Con la predetta disposizione il Commissario Straordinario ha dato mandato ai Servizi Tecnici di provvedere con la massima urgenza all’esecuzione dei lavori di demolizione”.

“Si tratta – spiega il Commissario Santoro – di una struttura metallica oggi fatiscente e chiusure in legno e pannelli coibentati che era stata realizzata nell’ambito della programmazione PIT 12 Eolo, Scilla e Cariddi, relativamente al progetto denominato Via del Mare, per essere destinata a biglietteria della mai nata Metropolitana del mare. Strutture mai utilizzate, vandalizzate più volte ed abbandonate al degrado, già ricettacolo di rifiuti di ogni tipo, tanto che – sottolinea il Commissario Straordinario – erano state oggetto di bonifica dai rifiuti e successivamente presi in considerazione per la realizzazione di un Info point e di una electric bike sharing station a servizio della comunità e dei numerosi turisti. Dall’esito del sopralluogo – continua il Commissario – è stato rilevato che, allo stato attuale, i due chioschi pericolanti ed inagibili, si trovavano ormai in condizioni di forte degrado ed essendo aperti in tutta la loro perimetrazione e quindi accessibili all’interno, adiacenti ad una strada di pubblico transito ai mezzi carrabili, oltre che pedonale, costituivano un pericolo per la pubblica incolumità”.

“Un passaggio importante quello di oggi, in quanto all’attività di demolizione seguiranno gli interventi di ripristino della pavimentazione stradale al fine di restituire una porzione dell’antico borgo marinaro alla fruizione pubblica ed in termini di valorizzazione del panorama dello Stretto che, dopo la demolizione, è apparso un ulteriore tratto fino ad oggi celato”, ha concluso l’ing. Santoro.