Categoria: EDITORIALINEWSSPORT

Cristiano Ronaldo alla Roma non è più solo un grande sogno: prenotato l’Olimpico per il 29 giugno

La Roma ha centrato un grande colpo di mercato e ha prenotato lo stadio Olimpico per la presentazione ufficiale la sera di mercoledì 29 giugno: si attende solo l’annuncio ufficiale

Immaginate l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Roma, dopo la vittoria della Conference League celebrata nella Capitale come una Champions e grazie al pressing di Josè Mourinho che ha fatto di tutto nelle ultime settimane per portare a Trigoria il suo connazionale portoghese in una sorta di colonia degli “Special One” lusitani. Ecco, tutto questo non è più soltanto un grande sogno: al momento di certo c’è che la città è impazzita, le notizie rimbalzano di minuto in minuto tra i tifosi creando grande euforia e stamani presto le principali società di scommesse avevano già sospeso le puntate su Ronaldo alla Roma per eccesso di ribasso.

Ma la notizia più importante che arriva direttamente dalla Capitale è che il club giallorosso ha prenotato lo stadio Olimpico per un grande evento la sera di mercoledì 29 giugno, mobilitando personale e strumentazioni tecnologiche “in grande stile” con ben 4 gruppi elettrogeni e la previsione di un numero di tifosi enorme. Al 29 giugno mancano ancora 4 giorni, quindi probabilmente per l’annuncio ufficiale bisognerà attendere altre 48 ore. Ma tutto porta a CR7 alla Roma, che sta riportando in Italia il fenomeno portoghese in rotta con il Manchester United per un’operazione non solo tecnica ma soprattutto di marketing. Con Ronaldo, infatti, la Roma punta ad incassare cifre milionarie per sponsor, pubblicità e vendite di gadget, oltre a far crescere enormemente la propria popolarità a livello internazionale. Da non sottovalutare, inoltre, il contributo che Ronaldo potrà comunque dare in campo, accanto a Pellegrini e Abraham (Zaniolo andrà via): nonostante CR7 compirà 38 anni a Febbraio, ha già dimostrato di essere ancora integro e in grado di competere ad altissimo livello, a maggior ragione in un campionato in cui le due contendenti dello scudetto lo scorso anno giocavano alternando Ibrahimovic (40) e Giroud (35) una, e con Dzeko (36) l’altra.