fbpx

Quirinale, boom Fratelli d’Italia con Crosetto: ha preso il doppio dei voti degli elettori del partito, “abbiamo capacità attrattiva”

Crosetto-Meloni

Quirinale, qualcosa si muove. Anche la terza votazione è nulla ma Fratelli d’Italia si testa: Crosetto ha preso il doppio dei voti degli elettori del partito. I dettagli

Eppur qualcosa si muove per decidere il successore al Colle di Mattarella. Al terzo giorno di trattative, nomi, voti e tre fumate nere, l’esito dello spoglio odierno qualcosa ha detto. La sorpresa viene da Destra: in mattinata Lega e Forza Italia optano per la scheda bianca, mentre Fratelli d’Italia si smarca dichiarando il voto per Guido Crosetto. Qualcosa bolle in pentola, Giorgia Meloni non ha fatto questa scelta a caso ed a spoglio ultimato la sorpresa è chiara: l’ex parlamentare di Fdi va oltre i voti dei grandi elettori meloniani (in totale 63) prendendone ben 114 (con Mattarella il più votato con 125). Grande è stata la soddisfazione per la giovane leader: “il centrodestra come io sostengo da tempo ha una capacità attrattiva in questo Parlamento, è un punto a favore”.

La situazione a questo punto vira a favore del Centro/Destra che potrebbe anche eleggere il Capo dello Stato senza l'”aiuto” del Centro/Sinistra. Questa la situazione: gli unici a votare scheda bianca, come abbiamo scritto ad inizio articolo, annunciandola sono stati Forza Italia e Lega (412 le schede bianche in totale e da sottolineare i 20 voti a Giorgetti e 7 a Bossi), Crosetto è stato votato da Fdi più altri grandi elettori al di fuori del Centro/Destra quindi, domani, nella quarta votazione l’area politica di Meloni e Salvini può arrivare a 505 voti eleggendo il successore di Mattarella.

Crosetto: “sono lusingato del risultato, grazie a Giorgia Meloni”

“Sono lusingato per i voti ricevuti ma ci sono nomi più autorevoli del mio. Tutti i nomi che ho sentito negli ultimi cinque giorni sono molto autorevoli e di alto profilo”. Così l’ex deputato del FdI Guido Crosetto, che al terzo scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica ha raccolto più voti del numero dei grandi elettori del partito. “Il mio nome è venuto fuori perché i grandi elettori si sono stufato di votare scheda bianca”, prosegue dicendo: “Io al Quirinale? Sì, alla parata del 2 giugno se mi invitano“. “Penso che entro venerdì avremo il presidente della Repubblica”, conclude.

Quirinale, elezione Presidente della Repubblica: la diretta del voto, fumata nera al terzo scrutinio [LIVE]