fbpx

Coronavirus, è ufficiale: Spirlì chiude tutte le scuole da lunedì 8 marzo. Attesa pioggia di ricorsi al Tar

regione calabria nino spirlì

Coronavirus, Spirlì dalle parole ai fatti: ha chiuso tutte le scuole da lunedì 8 marzo. Adesso si attende pioggia di ricorsi al TAR, forti delle precedenti sentenze che hanno già annullato analoghe chiusure fuori luogo e assolutamente non dettate da una situazione epidemiologica assolutamente sotto controllo

In totale contraddizione con la situazione epidemiologica in Calabria che vede l’indice Rt diminuire ulteriormente, con il Dpcm del Governo che parla chiaro e persino con il collega dello stesso partito, Luca Zaia, che in Veneto mantiene le scuole aperte persino in zona arancione, è arrivata pochi minuti fa l’ufficialità che il facente funzioni alla presidenza della Regione Calabria, Nino Spirlì, ha deciso di chiudere tutte le scuole da lunedì 8 marzo. “La disposizione verrà ratificata da una specifica ordinanza, che sarà in vigore da lunedì 8 marzo 2021 fino alle due settimane successive. La didattica in presenza sarà consentita solo nei casi di handicap gravi degli studenti e per un numero limitato di ore“, si legge in una nota della Regione.

IL COMUNICATO DELLA REGIONE CALABRIA

“Nel corso della riunione dell’Unità di crisi per il Covid-19 – alla quale ha preso parte anche il commissario della Sanità, Guido Longo – il presidente Spirlì ha sollecitato un intervento deciso per arginare le varianti del virus. Non si può attendere ancora per cercare di contrastarle. La nostra sanità – ha detto – non può reggere l’urto di un forte aumento di casi di contagi”. L’Unità di crisi ha perciò ritenuto opportuno attivare con rapidità il sequenziamento per lo screening delle varianti del virus già note, in parallelo all’incremento della campagna vaccinale. È stato inoltre preso atto che l’Azienda ospedaliera “Mater Domini” di Catanzaro, in convenzione con il centro di genomica dell’Università “Magna Graecia”, ha già avviato una indagine specifica con tamponi provenienti da tutte le cinque province della Calabria.

I PUNTI DI VACCINAZIONE 

L’Unità di crisi ha anche stabilito effettuare l’analisi dei volumi delle attività dei punti di vaccinazione, al fine di verificare l’andamento reale della campagna. È stato anche deciso di istituire 32 centri vaccinali presso i Comuni capofila dei distretti socio-assistenziali. Evidenziata, inoltre, una carenza nel funzionamento dei 78 punti di somministrazione presenti sul territorio regionale. La questione è stata al centro di un’altra riunione, avvenuta questo pomeriggio, alla quale hanno partecipato – oltre al presidente Spirlì e al commissario Longo – tutti i direttori generali e i commissari delle Aziende sanitarie provinciali e ospedaliere della regione. Durante il vertice, è stato analizzato l’attuale andamento della campagna vaccinale e – su sollecitazione di Spirlì e Longo – sono state individuate soluzioni utili a incrementare la somministrazione delle dosi in tutto il territorio regionale.

SPIRLÌ: «DECISIONI INDISPENSABILI»

«La necessità di arginare l’avanzata del Covid e delle sue varianti – afferma Spirlì – ci porta a prendere decisioni indispensabili. Tutti sappiamo che il popolo più aggredito dalla variante inglese è quello dei più giovani. Non possiamo permetterci di far arrivare questa onda d’urto sulla sanità e dobbiamo necessariamente prendere i provvedimenti del caso. Uno dei primi è questo: le scuole si fermano per due settimane. Durante questo periodo inizieremo la vaccinazione del personale scolastico che si renderà disponibile. Nessuno entrerà a scuola, salvo i casi di comprovata disabilità. Il resto dei giovani studierà da casa con il collegamento a distanza».
Quanto alla campagna vaccinale, «prosegue con i dovuti aggiustamenti. Oggi abbiamo fatto il punto sulle persone già vaccinate e messo in atto un piano suppletivo, che si aggiunge a quello già presente. Saranno aperti altri 32 punti vaccinali, oltre agli attuali 78. Ho chiesto con vigore che alle categorie già autorizzate si aggiungessero i disabili, i patologici, tra cui anche quelli pregressi, assieme agli accompagnatori e ai conviventi, utilizzando anche i medici di Medicina generale. Seguirò tutto personalmente, facendo anche visita ai centri vaccinali per verificare i modi in cui il servizio viene prestato».

Adesso si attendono i ricorsi al TAR che – forti delle precedenti sentenze di annullamento – potranno annullare l’ordinanza del governatore, assolutamente contraddittoria rispetto alla situazione sanitaria della Regione.