fbpx

Campagna vaccinale a Reggio Calabria: “serve organizzazione e informazione costante”, così Prefetto e Sindaci vogliono tutelare i cittadini

vaccino calabria Foto di Ernesto Guzman / Ansa

Emergenza Coronavirus a Reggio Calabria, l’esito dell’incontro tra il Prefetto e i Sindaci di tutta la Provincia: esaminati vari aspetti legati all’organizzazione della campagna vaccinale

Prosegue l’attività di monitoraggio e coordinamento messa in atto dalla Prefettura di Reggio Calabria nell’ambito dell’emergenza  epidemiologica, finalizzata al contrasto alla diffusione del virus Covid-19, con particolare riferimento alle iniziative collegate all’attuazione della campagna vaccinale. Come si legge in una nota ufficiale, “per quanto riguarda il raccordo tra Strutture Sanitarie ed Enti  locali, nel pomeriggio di giovedì 25 si è tenuta, in videoconferenza, una riunione, presieduta dal Prefetto Massimo Mariani, alla quale hanno preso parte il Sindaco Metropolitano di Reggio Calabria, G. Falcomatà; il Sindaco di Campo Calabro, S. Repaci, rappresentante  dell’Associazione Comuni dell’Area dello Stretto; il Sindaco di Roghudi, P. Zavettieri, rappresentante dell’Associazione Comuni dell’Area  Grecanica; il Sindaco di Ardore, G. Campisi, rappresentante  dell’Associazione Comuni dell’Area della Locride; il Sindaco di Locri, G. Calabrese; il Sindaco di Scido, G. Zampogna, rappresentante dell’Associazione Comuni dell’Area della Piana; il Sindaco di Cittanova, F. Cosentino, rappresentante del Comitato dei Sindaci della Piana; l’Ing. I. Fantozzi, Commissario Straordinario del Grande Ospedale  Metropolitano; il dott. A. Bray, Direttore Sanitario dell’Azienda  Sanitaria Provinciale; il dott. S. Giuffrida, Direttore dell’U.O.C. Igiene e Sanità pubblica dell’Azienda Sanitaria Provinciale”.

Nel corso dell’incontro “sono stati esaminati vari aspetti legati all’organizzazione della campagna vaccinale ed è stata condivisa l’esigenza di assicurare ai Sindaci, anche quali Autorità sanitarie locali, una costante informazione sulle modalità di attuazione nei rispettivi Comuni, con particolare riferimento all’individuazione delle categorie coinvolte e dei siti di somministrazione, del piano di vaccinazione predisposto dall’Azienda Sanitaria Provinciale, ispirato a principi di equità e prossimità. Ciò al fine di favorire il rapido avanzamento delle procedure di  vaccinazione, già positivamente avviate a livello provinciale nei confronti del personale sanitario, delle Forze dell’Ordine, delle Forze Armate, e della popolazione ultra-ottantenne, fornendo alla cittadinanza una informazione chiara ed esaustiva in merito al servizio. Nella mattinata di ieri, venerdì 26, inoltre, nel corso di una  Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze dell’Ordine, alla quale sono intervenuti anche il Sindaco Metropolitano ed il Direttore dell’U.O.C. Igiene e Sanità pubblica dell’Azienda Sanitaria Provinciale, sono state concordate le iniziative più opportune volte ad assicurare da  parte delle Forze di Polizia, anche locale, mirate attività di controllo e monitoraggio dei Punti vaccinali territoriali, anche al fine di evitare il verificarsi di assembramenti”.