fbpx

Messina, strada San Michele-Portella Castanea, i cittadini organizzano la protesta: “Abbiamo fatto un sopralluogo, è ancora in pessime condizioni” [FOTO]

/

Messina. Strada di collegamento San Michele-Portella Castanea: “Non accettiamo più giustificazioni da parte dell’Amministrazione”

Stamattina abbiamo fatto un sopralluogo nella strada comunale San Michele – Portella Castanea, che dovrebbe aprire, dopo l’ennesima proroga, martedì 20. Ma la via è ancora in pessime condizioni, così come lo era una settimana fa. È per questo motivo che per domani, dalle 16:30 alle 17:30, abbiamo indetto una protesta. Non possiamo più aspettare: è ora di rispettare le promesse“. Così il comitato sorto qualche mese fa proprio per monitorare i lavori che prevedono la costruzione del muro di contenimento dove due anni fa c’è stato uno smottamento. Il gruppo di cittadini promotori della manifestazione, adesso, invita i cittadini ad essere presenti (nel rispetto della normativa anti-covid), per far comprendere l’importanza dell’arteria. Appuntamento davanti al locale Portella alle 16.

Dovevano aprire la strada a metà agosto, poi a fine estate, poi a fine settembre, poi ancora a inizio ottobre e… La apriranno martedì? – si chiede il comitato – L’ultima scusa è stata la pioggia, che si commenta da sola e fa già ridere, perché bastava semplicemente iniziare prima gli interventi di pulizia. Parliamo della via di collegamento più veloce tra i villaggi collinari della zona Nord e la città. E il divieto di transito causa non pochi disagi, come abbiamo più volte evidenziato proprio per evitare perdite di tempo e ritardi, sollecitando interventi celeri“.

Non accettiamo più giustificazioni da parte dell’Amministrazione, così come altre proroghe (quattro fino a questo momento). Un’Amministrazione che ci aveva promesso attenzione e puntualità e che, invece, ci ha preso in giro (a noi ma, in realtà, a tutti gli abitanti della zona) con ‘mini-proroghe’ e comunicati stampa sul nulla – conclude il Comitato – Domani saremo lì, e martedì vogliamo la strada transitabile con il senso unico alternato regolato dal semaforo. Lavoratori e studenti hanno pagato abbastanza“.