fbpx

Uomini e Donne – Bufera sull’ex tronista Cartasegna: “Maradona? Devastato dalla cocaina, non è tragedia”

Credits: Instagram @Marcocartasegna

Uomini e Donne, bufera sull’ex tronista Marco Cartasegna: parole politicamente scorrette sulla morte di Maradona, i follower non la prendono bene

Uomini e Donne: Cartasegna su Maradona, è polemica – La morte di Diego Armando Maradona è diventata una notizia in grado di polarizzare l’attenzione di chiunque, anche di chi normalmente non mette il panorama calcistico fra i principali interessi della propria quotidianità. In tanti hanno voluto esprimere un pensiero sull’addio del ‘Pibe de Oro’, non tutti però hanno speso parole gentili. Marco Cartasegna, ex tronista di Uomini e Donne, è stato fortemente criticato su Instagram per aver parlato in maniera ‘politicamente scorretta’ della morte di Maradona.

Uomini e Donne: Cartasegna su Maradona, è polemica – Premessa la sua totale indifferenza sulla questione, Cartasegna ha spiegato che la morte di Maradona sia dovuta unicamente alla cocaina: “pare che sia morto Maradona. Andando oltre il far finta che me ne freghi qualcosa, mi dispiace perché è morta una persona ma non me ne frega niente, ho trovato la risposta ad una domanda che mi chiedevo da anni. Cioè quanto il corpo umano possa resistere al devasto più totale di droga ecc… La risposta è 60 anni. Tutti quelli che stanno dicendo che questa è stata l’ennesima tragedia, che non vedono l’ora che finisca questo 2020, non è stato il 2020, è stata la cocaina. Rispondo ai napoletani che mi stanno scrivendo in modo affettuoso. Non è che se mi insultate io cambio idea o cancello le storie. Il politicamente corretto a me non piace. Io non devo stare a quello che voi pensate sennò mi insultate, non mi interessa. Rivendico quello che ho detto, che può essere anche sbagliato. Ma proprio perché non accetto la dinamica per cui adesso io dopo gli insulti dovrei cambiare idea lo lascio, anche se magari ho sbagliato perché sono stato insensibile. Ma non penso perché credo di aver fatto ironia su una persona che non è parente di nessuno di voi. Non accetto queste dinamiche, le odio“.