Comunali Reggio Calabria, piazza Duomo semi vuota anche per Zingaretti che esalta Falcomatà: “è un grande Sindaco, vi prego di rivotarlo”. E non risponde ai giornalisti sul Ponte sullo Stretto [FOTO e VIDEO INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Il segretario del Pd Nicola Zingaretti a Reggio Calabria per sostenere Falcomatà: piazza semi vuota proprio come in occasione dell’evento della Lega di pochi giorni fa

Nuovo evento pubblico di campagna elettorale del Partito Democratico a Piazza Duomo in vista delle elezioni comunali di Reggio Calabria del 20 e 21 settembre: alla presenza del segretario nazionale, Nicola Zingaretti, tutti gli esponenti dem reggini hanno lanciato con forza la ricandidatura di Giuseppe Falcomatà a Palazzo San Giorgio. Ma la piazza anche stavolta era semi vuota: rispetto al clamoroso flop di sabato scorso all’evento della Lega con il vice di Salvini, stavolta c’era qualcuno in più ma se consideriamo che soltanto i candidati al consiglio comunale della coalizione di Falcomatà sono ben 333 e che la platea era stata diradata con sedie distanziate, probabilmente stasera di fronte al Duomo non c’erano neanche tutti i candidati.

L’evento è stato aperto dal consigliere regionale Nicola Irto, il quale ha sottolineato “l’importanza di un secondo tempo per Falcomatà capace di salvare la città dopo gli anni bui del Centro/Destra”. Dopo l’intervento di sostegno all’attuale sindaco da parte della docente Consuelo Nava, il candidato del Pd ha affermato, rivolgendosi alla piazza: “non dobbiamo tornare indietro, abbiamo lavorato sodo per ridare dignità alla città dopo lo scioglimento per mafia. Noi abbiamo battuto i pugni per difendere Reggio ed abbiamo raggiunto l’obiettivo. Andiamo a vincere”.

Zingaretti non risponde ai giornalisti sul Ponte sullo Stretto

Nicola Zingaretti dal palco di Piazza Duomo è un fiume in piena: “il Pd si presenta ovunque per vincere, gli elettori che non vogliono dare fiducia a Salvini e Meloni sappiano che c’è un partito alternativo e vincente. Falcomatà? E’ un grande sindaco, la città è salva grazie a lui. Il Decreto di Agosto? Non ho mai visto nessun sindaco battere i pugni come ha fatto Falcomatà. Vi prego – si rivolge agli cittadini il leader del Pd- difendete Reggio da chi vi chiama terrone e vi chiede il voto. La candidatura di Minicuci nasce da una spartizione chiara e netta delle candidature all’interno del centro/Destra.  Parlate con tutti, convincete i cittadini che Falcomatà è la persona giusta. Suo padre, Italo, ha fatto di questa città l’esempio in tutta Europa. Ponte sullo Stretto? Decideremo il da farsi assieme al governo”. Dopo aver glissato più volte sul tema del Ponte, rispondendo sempre e solo sulla Lega come se ne fosse ossessionato, alla domanda secca dei giornalisti “lei è favorevole sì o no?“, il segretario del Pd non ha risposto ed è andato via.

Zingaretti: “vogliamo combattere perché in gioco non c’è il destino di qualche politico ma il futuro delle famiglie di Reggio Calabria

“Sono qui per dire combattete, combattiamo. Mancano pochi giorni e dobbiamo combattere giorno per giorno. Siamo qui per Falcomatà sindaco, per un partito, per le tante liste civiche, ma se c’è una differenza tra noi e loro è che noi sappiamo che non siamo qui per il destino di una persona. Vogliamo combattere perché in gioco non c’è il destino di qualche politico ma il futuro delle famiglie di Reggio Calabria e di una comunità”. Queste le parole del segretario Pd Nicola Zingaretti a Reggio Calabria ad un comizio in sostegno del candidato sindaco Giuseppe Falcomatà.

Zingaretti a Reggio Calabria: “investire sul Mes”

“Io credo che ci siano due buoni motivi per investire sul Mes. Il primo e’ la linea di credito molto vantaggiosa per le casse degli italiani, e secondo, investire in sanità è parte integrante di quel programma di rinascita per far crescere il Pil, creare lavoro, investire su quel valore aggiunto di cui abbiamo un grande bisogno. In queste ore si sta discutendo sul recovery fund. Vedremo, ma non c’e’ dubbio che, l’ho detto e continuo a pensare che noi lavoriamo per l’interesse degli italiani. Investire in sanità coincide con l’investire per il bene del Paese. Ovviamente, senza condizionali, cosi’ come e’ stato detto. Sarebbe davvero una contraddizione non prendere soldi da sistemi cosi’ vantaggiosi, per poi indebitarsi e pagare più interessi”. E’ quanto ha affermato il segretario del Pd Nicola Zingaretti a Reggio Calabria per una manifestazione a sostegno della ricandidatura a sindaco di Giuseppe Falcomatà.

Elezioni Comunali, Zingaretti a Reggio Calabria: “noi siamo diversi da chi chiede voti e vi chiama terroni” [VIDEO]

Reggio Calabria, Minicuci: “Falcomatà non è più credibile, l’evento organizzato dal Pd a Piazza Duomo è stato una messa in scena”