fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Reggio Calabria, incidente in una buca killer ma dopo 10 anni il Comune non paga il risarcimento: “la mia vita è cambiata per sempre, pretendo i miei diritti” [VIDEO INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Una sentenza esecutiva ha stabilito che il Comune di Reggio Calabria deve provvedere a pagare un risarcimento economico per l’infortunio subito

Frequenti e numerose sono le richieste di risarcimento danni a fronte di buche stradale non visibili e né segnalate, capita spesso che la faccenda diventi una questione seria e il malcapitato di turno subisca gravi infortuni fisici. E’ quanto capitato al signor Cesare Saturno che ai microfoni di StrettoWeb ha voluto raccontare quella che, a suo dire, è un’ingiustizia ormai continua. “Dieci anni fa ho avuto un incidente stradale gravissimo cadendo con il mio motorino nella discesa che porta in Piazza De Nava, dove era presente una buca non segnalata e non messa in sicurezza secondo le norme previste”, ha affermato nel corso dell’intervista il protagonista del triste episodio.

“Sono stato in terapia intensiva per tre mesi, per oltre tre anni allettato e sottoposto a specifiche cure – continua Saturno – . Il mio fisico ne accusa ancora le conseguenze, la mia vita è cambiata, non posso più fare sport o svolgere lavori pesanti”. Due anni fa ecco un piccolo spiraglio di giustizia, la sentenza esecutiva stabilisce che il Comune di Reggio Calabria deve provvedere a pagare un risarcimento economico per l’infortunio subito. Ma nonostante la sentenza del 2018, poi la delibera sul bilancio emessa dal Consiglio Comunale lo scorso 23 maggio 2020, la conseguente determina dell’ufficio competente e la pubblicazione sull’albo comunale, da Palazzo San Giorgio nessun pagamento è stato effettuato, mancando così a precisi obblighi di legge. “Io pretendo solo ciò che mi spetta di diritto, cosa devo fare di più? Devo forse incatenarmi? Non voglio rubare niente a nessuno, spero che con questo mio messaggio possano smuoversi le coscienze”, è l’urlo di disperazione di Cesare Saturno che per colpe non sue ha visto da un giorno all’altro la propria vita cambiare per sempre.

Reggio Calabria, Cesare Saturno: “voglio i miei diritti!” [VIDEO]