fbpx

Le Ricette di StrettoWeb – Polpette di stocco e patate

/

Le ricette di StrettoWeb: ricetta e tradizione delle polpette di stocco e patate

Le polpette di stocco e patate sono una ricetta facile e sfiziosa che riscuote successo anche con i bambini. Lo stocco, alimento povero che i contadini consumavano in passato durante i lavori nei campi, è oggi un Prodotto Tipico Agroalimentare Tradizionale Calabrese ma è anche il simbolo del piccolo borgo di Mammola dove la lavorazione artigianale, suddivisa per fasi, dura alcuni giorni e dove le acque pure lo rendono così prezioso.

Difficoltà: facile

Preparazione: 20 minuti

Cottura: 30 minuti

Porzioni: 4 persone

Costo: basso

INGREDIENTI

200 gr. di stocco

300 gr. di patate

1 uovo

2 cucchiai di parmigiano

Pangrattato

1 ciuffo di prezzemolo

Olio di semi per friggere

Sale

Preparazione

Lessate le patate, schiacciatele con lo schiacciapatate e mettete il composto in una ciotola. Eliminate la pelle, tagliate a tocchetti il filetto di stocco e sminuzzatelo col mixer. Unitelo alle patate e aggiungete un uovo, il parmigiano, il sale ed il prezzemolo tritato. Impastate il composto aggiungendo del pangrattato, formate le polpette e, prima di friggetele nell’olio bollente, passatele nel pangrattato. Le polpette di stocco e patate sono pronte!

Conservazione

Queste polpette si consumano non appena pronte e si conservano per 1 o 2 giorni in frigorifero.

Curiosità e benefici dello stoccafisso

Alimento energetico molto più del merluzzo fresco, lo stoccafisso ha una origine antichissima: nel 1431 il commerciante veneziano Piero Querino ed il suo equipaggio furono sorpresi da una tempesta nel Circolo Polare Artico. La loro nave si arenò su un’isola dell’arcipelago delle Lofoten e li costrinse alla ricerca di cibo: catturarono e cucinarono un grande pesce e, per via del fumo, gli abitanti delle isole vicine si accorsero della loro presenza. Dopo alcuni mesi di permanenza su quelle isole l’equipaggio fece rientro a Venezia con la nave carica di stoccafisso. La produzione di questo pesce avviene unicamente in Norvegia e va da febbraio a giugno, periodo ideale per la pesca e per l’essiccazione all’aperto. Magro, molto proteico e povero di sale e di grassi, il pescestocco è consigliato davvero a tutti!

Il consiglio della zia

Aggiungete olive nere a pezzetti per rendere queste polpette ancora più gustose. Potete anche metterle nel sugo, dopo averle fritte.