Reggio Calabria, monta la rabbia per il nuovo Piano Strutturale Comunale: “così Falcomatà nega anche ogni chance di sviluppo futuro alla città” [FOTO, VIDEO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria, la rabbia e la delusione dell’opposizione e degli imprenditori per il nuovo Piano Strutturale Comunale approvato in Consiglio Comunale

Dopo l’approvazione in consiglio comunale, oggi pomeriggio presso il Centro Civico di Ravagnese s’è tenuto uno dei tre incontri programmati dal Comune per illustrare alla cittadinanza il nuovo Piano Strutturale Comunale, importantissimo documento che indica le linee guida per lo sviluppo futuro della città. Assente il Sindaco Falcomatà, che secondo gli annunci della vigilia avrebbe partecipato a tutti gli incontri, per l’Amministrazione Comunale si sono esposte l’assessore all’Urbanistica, architetto Mariangela Cama, e una dei progettisti, la professoressa architetto Francesca Moraci.

L’assessore Cama ha spiegato di “essere qui per spiegare il Piano Strutturale Comunale ai cittadini. L’amministrazione ha proposto questi incontri per far conoscere questo importante strumento ai cittadini ed eventualmente proporre dei cambiamenti. Con questo piano metteremo a sicurezza la città“. L’architetto Moraci ha aggiunto che “per sviluppare il Piano Strutturale Comunale serve un confronto con la città. E’ importante comunicare le caratteristiche del Psc, i cittadini, con questi incontri, possono proporre dei cambiamenti“.

Molto duro, invece, l’architetto Pino Falduto, proprietario del Centro Commerciale Porto Bolaro e promotore dello straordinario progetto “Mediterranean Life”, che ai microfoni di StrettoWeb a margine dell’incontro ha detto che “purtroppo leggendo le carte è solo una sommatoria di vincoli che potrebbe creare difficoltà allo sviluppo della città. Se non si individueranno le zone dove sviluppare le strutture ricettive non capisco come si possa parlare di turismo. Abbiamo il dovere di sognare una città diversa. Mi auguro che l’amministrazione comunale si ravveda e possa cambiare il piano. Questo Psc fa venire gli incubi“.

Infine il consigliere comunale Massimo Ripepi, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, ha aggiunto alcune considerazioni politiche: “Questo Piano Strutturale Comunale viene approvato fuori tempo massimo, l’amministrazione sta facendo solo cose a fini elettorali. Per aiutare sono sicuro che arriveranno – afferma ironicamente – Superman, Batman e Robin e l’Uomo Ragno. Il sindaco in questi 5 anni ha devastato Reggio Calabria. Il Psc, a nostro avviso, è inadeguato e paralizza la città. Anche l’imprenditore che dovrebbe investire per la creazione della Mediterranea Life, che potrebbe portare migliaia di posti di lavoro, pare abbia rilevato una serie di vincoli che frenano lo sviluppo della città“.

Reggio Calabria, la progettista del PSC Prof. Arch. Francesca Moraci: “cambia il concetto per lo sviluppo della città” [VIDEO]

Reggio Calabria, l’Assessore all’Urbanistica Mariangela Cama spiega il PSC ai microfoni di StrettoWeb [VIDEO]

Reggio Calabria, l’architetto Pino Falduto: “con questo PSC vogliono conservare il brutto e il degrado che c’è” [VIDEO]

Reggio Calabria, Massimo Ripepi sul PSC: “Falcomatà dopo aver devastato la città vuole paralizzarne anche il futuro” [VIDEO]