Perna e Castrizio lanciano il Referendum per la Regione dello Stretto: “se Reggio e Messina rimangono in Calabria e Sicilia sono spacciate, così non c’è futuro” [VIDEO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria, stamattina i professori Perna e Castrizio hanno illustrato le motivazioni del Referendum per la Regione dello Stretto

Reggio Calabria e Messina stanno morendo. Una è completamente marginale in Calabria, l’altra in Sicilia. Non hanno voce in capitolo, non hanno chance di sviluppo. Noi stiamo proponendo questo Referendum per dare un futuro alle due città, che sono sempre state vicine. Ci sono millenni di pagine di storia che perlano per l’Area dello Stretto, è un processo naturale, è solo questione di tempo. Vogliamo questo Referendum, anche se il risultato sarà solo di bandiera, perchè vogliamo capire cosa pensa la gente e deve essere un messaggio forte. Se sta bene lo status quo, questo degrado, questa decadenza, questa marginalità Regionale, allora teniamoci tutto così com’è. Se invece vogliamo cambiare, abbiamo la possibilità di farlo con l’istituzione di una nuova Regione, la Regione dello Stretto. E’ quello che chiederemo con il Referendum. Serve un moto d’orgoglio, per indire il Referendum basterebbe che venisse richiesto da un terzo dei consiglieri comunali”. Così i professori Perna e Castrizio hanno illustrato stamattina al Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, insieme allo scrittore Fabio Cuzzola e all’avvocato Francesco Zuccarello per il Touring Club di Reggio Calabria,  le motivazioni che li hanno spinti a proporre il Referendum per la Regione dello Stretto.

Entrambi molto duri nell’analisi sul regionalismo e sul ruolo di Reggio in Calabria e di Messina in Sicilia, Perna e Castrizio hanno spiegato anche il quadro normativo e costituzionale all’interno del quale hanno intenzione di muoversi. Ecco le loro interviste ai microfoni di StrettoWeb:

Città dello Stretto, il prof. Castrizio: “Referendum per cambiare lo status quo, unione tra Reggio e Messina è solo questione di tempo” [VIDEO]

Il prof. Perna: “Referendum per arrivare alla Regione dello Stretto, altrimenti Reggio e Messina non hanno futuro” [VIDEO]

Per l’Area Metropolitana dello Stretto non serve il Referendum: l’unica soluzione è il Ponte e l’Alta Velocità. Tutto passa dai Trasporti

Area Metropolitana dello Stretto, a che serve un referendum? Serve il Ponte sullo Stretto


Segui StrettoWeb su Instagram

Valuta questo articolo

Rating: 4.4/5. From 7 votes.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE