Nicola Irto vola a Bruxelles, rappresenterà la Calabria al Comitato delle Regioni: “qui per difendere il Sud”

Irto Comitato europeo Regioni

L’ex presidente del Consiglio Regione della Calabria al Comitato delle Regioni: “A Bruxellese per difendere il Mezzogiorno”

Rappresentare l’Italia, il Mezzogiorno e la Calabria nel Comitato delle Regioni a Bruxelles è una responsabilità di cui mi faccio carico con amore verso la mia terra e con l’obiettivo di contribuire a migliorare le istituzioni europee“. Il consigliere regionale Nicola Irto ha commentato così il suo insediamento nel prestigioso organismo continentale, del quale – unico componente dell’Assemblea legislativa calabrese – farà parte per i prossimi cinque anni. L’esponente politico del Partito Democratico, che fa parte del gruppo del Partito socialista europeo, è membro titolare del Cor, la cui plenaria di insediamento si è celebrata nella più prestigiosa delle sedi, l’emiciclo dell’Europarlamento nella capitale belga.

Dopo l’esperienza molto significativa che, da presidente del Consiglio regionale della Calabria nella passata legislatura, ho avuto l’opportunità di svolgere alla Calre, sono sempre più consapevole che non ci siano alternative a un convinto europeismo. Al tempo stesso, però, ritengo necessaria un’evoluzione del rapporto tra istituzioni comunitarie e cittadini. Come ho più volte evidenziato in questi anni, in cui la Calabria è stata protagonista nell’ambito dell’attività dei parlamenti regionali, occorre costruire un’Europa dei popoli e dei territori, che rispetti le identità e le specificità locali. Quanto sta accadendo a livello continentale, cioé una crescente e diffusa insofferenza nei confronti delle istituzioni europee, fino all’epilogo assai grave della Brexit, impone a tutti noi una riflessione seria sul futuro. Per cambiare il diffuso sentimento di euroscetticismo che continua ad albergare nei cittadini, il lavoro del Comitato delle Regioni potrà rivelarsi prezioso”.

Nicola Irto spiega quali saranno le priorità della sua azione politica a Bruxelles: “E’ mia intenzione portare in questa sede e far valere le istanze del livello istituzionale e del territorio che rappresento. Attraverso il ruolo consultivo del Cor, proveremo a incidere su materie delicate come la politica di coesione, la sanità pubblica, i trasporti, l’energia, l’istruzione e la cultura. Ma non mancheremo di sottoporre pareri su altri problemi dei territori che, in questi anni, ho avuto modo di conoscere da vicino. Mi riferisco, tra gli altri, ai nostri pescatori, penalizzati dal quadro normativo comunitario, e al comparto agricolo, i cui imprenditori sono costretti a districarsi tra mille vincoli ma anche a fare i conti con eventi meteorologici imprevedibili e gravi. Sullo sfondo – conclude Nicola Irto – si staglia la più attuale e importante delle questioni, quella ambientale. L’European green deal, nella difficilissima sfida volta ad azzerare le emissioni entro il 2050, comporterà investimenti per miliardi di euro in tutto il Continente. E’ una partita alla quale il Mezzogiorno e la Calabria devono arrivare pronti. Il mondo ha imboccato la strada dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare. Non possiamo perdere tempo“.


Segui StrettoWeb su Instagram

Valuta questo articolo

Rating: 2.7/5. From 3 votes.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE