Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria, concorso ATAM: la UIL chiede l’immediata revoca dell’avviso di selezione, “riservando ogni opportuna azione per l’impugnativa”

Reggio Calabria: la nota della segreteria provinciale UilTemp sul concorso ATAM

La segreteria provinciale UilTemp ha inviato una nota riguardo il concorso ATAM

Nell’interesse della Uil, si significa quanto segue:

Premesso che:

  • le Organizzazioni Sindacali, appreso che l’Azienda ATAM S.p.a. era intenzionata a procedere alla pubblicazione di un avviso di selezione per il reclutamento di “operatori di esercizio” non considerando il diritto prelazione dei lavoratori in somministrazione in organico già impegnati nell’attività funzionale, chiedevano al Sindaco della città di Reggio Calabria e l’A.U. di  ATAM, con la nota datata 28.11.2019,  di non procedere in via arbitraria ed  unilaterale  e di pianificare un tavolo di lavoro per la tutela dei lavoratori somministrati  in prossimità di scadenza di contratto;
  • Nonostante tali indicazioni, con avviso pubblicato in data 06.12.2019, l’ATAM S.p.A. ha indetto la selezione per la formazione di una graduatoria per l’assunzione di n. 30 “Operatori d’Esercizio” CCNL Autoferrotranvieri;
  • Alla riunione tenuta presso i locali comunali in data 13.12.2019, le rappresentanze sindacali ribadivano nuovamente la necessità di individuare una soluzione utile a garantire la continuità lavorativa per i dipendenti in somministrazione e individuavano le forme contrattuali atte alla realizzazione di tale scopo;
  • Nella medesima riunione il Sindaco si dimostrava concorde ad accogliere i principi tutelativi dei lavoratori, e l’A.U. di ATAM, attesa la necessità di vagliare la fattibilità tecnica di tale principi, proponeva un ulteriore incontro, non provvedendo, però, fino alla data odierna a comunicare alcuna decisone in merito;
  • L’organizzazione sindacale Uil, chiedeva l’immediata revoca dell’avviso e la contestuale convocazione di un incontro tra l’Azienda e le rappresentanze sindacali atteso che l’interpretazione letterale dell’avviso di selezione lasciava intendere senza alcun dubbio che solo i soggetti in possesso dei requisiti di cui all’art. 47 comma 4 della L. 81/2015 potevano parteciparvi;
  • Con successiva pec del 09.01.2020, in risposta a quanto eccepito dalla Uil l’Azienda comunicava di avere proceduto, in data 23.12.2019, alla pubblicazione sul proprio sito nelle FAQ dell’avviso di selezione, ad esplicitare che il possesso dei requisiti di cui all’art. 47 comma 4 della L. 81/2015 non era requisito d’accesso e pertanto non era obbligatorio flagare sul relativo capo.

Tutto ciò premesso, si ritiene necessario sollevare le seguenti censure:

  • L’avviso pubblico indicato in oggetto non garantisce la continuità lavorativa dei dipendenti in somministrazione e determina in tal modo nocumento ai predetti lavoratori e soprattutto all’Azienda che viene privata di forza lavoro già formata e inquadrata grazie all’apporto economico di finanziamenti a totale capitale pubblico;
  • La pubblicazione delle FAQ modificative di un elemento essenziale dell’avviso ( peraltro avvenuta in maniera poco visibile e a quattro giorni dalla scadenza del bando) doveva determinare lo slittamento del termine di presentazione delle domanda, ciò in ossequio all’orientamento giurisprudenziale prevalente secondo cui nel caso di modifica sostanziale della procedura concorsuale “ la riapertura dei termini costituisce atto logicamente consequenziale per consentire la partecipazione anche a coloro  i quali, pur potenzialmente interessati, non avevano potuto presentare una domanda ammissibile in quanto sprovvisti dei requisiti richiesti dal bando, successivamente ampliati” ( ex multis C.d.S. n. 4731 del 12.10.2017) ;
  • L’avviso di selezione è inerente ad una dotazione organica relativa a mansioni di fatto svolte da personale già inquadrato e formato e non prevede alcun titolo di preferenza in capo a tali lavoratori come, invece, previsto dalla legge;
  • Non si tiene in considerazione il notevole risparmio in termini economici che si realizzerebbe in favore dell’utilizzatore a mezzo dello sgravio contributivo derivante dalla trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato;
  • La precedente mancanza non può essere colmata dall’inutile previsione della graduatoria di apprendistato da utilizzarsi in modo alternativo alla graduatoria generale di merito;
  • Da ultimo, ma non per importanza, atteso che le prove selettive sono state fissate per il 23.01.2020, si evidenzia la necessità di non procedere al loro svolgimento in concomitanza alle operazioni elettorali regionali, per ovvie e necessarie ragioni di opportunità e trasparenza.

Alla luce di quanto esposto, paventandosi sia ipotesi di violazione dei diritti dei lavoratori sia ipotesi di aggravio e nocumento alle casse pubbliche con necessario e consequenziale danno erariale si

CHIEDE

L’immediata revoca dell’avviso di selezione nonché delle fissate prove selettive, riservando ogni opportuna azione per l’impugnativa sia dell’avviso di selezione sia delle formande graduatorie nelle competenti sedi giudiziarie.

Questo è quanto inviato a:

Spett.le ATAM S.p.A.

In persona dell’A.U. Dott. Francesco Perrelli

Via Foro Boario snc

89129 Reggio Calabria

Pec: atam@pec.it

Sindaco della Città di Reggio Calabria

In persona dell’Avv. Giuseppe Falcomatà

Piazza Italia n. 1

89125 Reggio Calabria

Pec: sindaco@pec.reggiocal.it