Coronavirus, la Prefettura di Torino: “tra le 4 persone positive non c’è alcuna donna proveniente da Reggio Calabria”

Illustration of the spread of a new coronavirus from China around the world. Vector illustration.

Coronavirus, la donna proveniente da Reggio Calabria a Torino non è risultata positiva

In merito alla notizia diffusa ieri dai giornalisti di Canale 5 che avevano parlato in più occasioni (“Pomeriggio 5”, “Tg5” e “TGcom”) di una donna proveniente in treno da Reggio Calabria risultata positiva al Coronavirus e ricoverata a Torino, la Prefettura del Capoluogo piemontese informa stamani che tra i 4 casi di persone risultate positive al virus non c’è alcuna donna proveniente dalla Calabria.

Coronavirus, il mistero del “paziente zero” in Italia: “ormai è inutile trovarlo, abbiamo malati di seconda e terza generazione che si moltiplicheranno”

Coronavirus, testimonianze allarmanti da Codogno: “è il panico assoluto, non c’è niente sotto controllo”

Il Coronavirus ripopola il Sud: tornano tutti senza controlli, solo la Basilicata li mette in quarantena. E intanto l’Austria chiude i confini

Coronavirus, il medico italiano sopravvissuto all’Ebola: “questo virus è completamente diverso, fondamentale lavarsi le mani”

Coronavirus, parla il manager tornato dalla Cina: “Io paziente zero? Sono sempre stato bene”

Coronavirus, l’apocalittica previsione di un team di scienziati: 650 milioni di persone si ammaleranno prima del picco

Il coronavirus cinese e la profezia di Nostradamus sulla “grande epidemia”

Il coronavirus e la ‘profezia’ di Bill Gates nel 2018: “il mondo deve prepararsi ad una pandemia che farà milioni di morti”

Coronavirus, in Cina l’epidemia ha ridotto le emissioni di CO₂ di 1⁄4: crollato l’utilizzo di carbone e petrolio, impatto enorme sull’inquinamento globale

Coronavirus, parla la virologa Ilaria Capua: “Arriverà in Italia, dobbiamo prepararci: chi può lavorare da casa si organizzi”

Coronavirus, parla il manager tornato dalla Cina: “Io paziente zero? Sono sempre stato bene”

Il Coronavirus potrebbe essere la letale “Malattia X” su cui l’Oms aveva messo in guardia: “Sta rapidamente diventando la prima vera sfida pandemica che vi corrisponde”