fbpx

Scuole riaperte oggi a Cosenza, il Sindaco Occhiuto: “è un mondo meraviglioso, solo oggi la città riprende vita e normalità”

/

Scuola, a Cosenza si ritorna tra i banchi: il messaggio del sindaco ai ragazzi

Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto tramite un post facebook, che riportiamo integralmente, ha rivolto un particolare augurio a tutti i ragazzi che da oggi sono tornati tra i banchi di scuola.

“Quest’anno la campanella che è ritornata a squillare nelle nostre scuole ci ha tutti profondamente emozionati. Insieme ai nostri ragazzi la città riprende forma e vita. Ringrazio di vero cuore per la collaborazione i dirigenti scolastici, i docenti, il vicesindaco e gli assessori comunali, i dirigenti e i tecnici, gli operatori e le maestranze, i lavoratori delle Coop che si sono tutti impegnati fino all’ultimo momento per garantire un inizio dell’anno non perfetto ma in piena sicurezza per i ragazzi. Ma soprattutto ringrazio i ragazzi che con il loro entusiasmo hanno ridato speranza e fiducia a tutti noi. I lavori che abbiamo realizzato hanno consentito di liberare spazi in tutti i plessi scolastici e di riqualificare ambienti non utilizzati o abbandonati, ora adatti per migliaia di studenti. Ai bambini che sono stati ospitati nella città dei ragazzi ho consegnato un mio messaggio con una cartolina:

Oggi comincia, finalmente, la scuola. Il Vostro sindaco è con voi, e come voi anch’io quest’anno ho atteso con apprensione questo giorno. I miei ricordi da studente mi riportano alla mente la scuola come un mondo meraviglioso, l’elemento principale per segnare il tempo della mia giornata; non solo importante per lo studio e l’apprendimento ma anche per il sistema di relazioni, per la socializzazione, per le emozioni, per le abitudini. Tutti fattori fondamentali per la crescita.

A causa di questo cattivissimo virus, per rispettare il distanziamento interpersonale, quest’anno il Vostro sindaco si è impegnato tantissimo per riuscire ad offrirvi nuovi ambienti confortevoli e sicuri perché dal vostro benessere e dalla vostra salute dipende la salute dei vostri cari, i genitori, i nonni; e voi siete diventati i loro angeli custodi. E oggi quindi siete qui, alla Città dei Ragazzi, in un luogo bellissimo dove noi abbiamo realizzato per voi in tempo record aule capienti e funzionali. Perché voi ragazzi meritate il nostro massimo impegno e perché è assolutamente prioritario che riprendiate la vostra vita “normale” di cui la scuola è certamente parte molto importante.

Sicuramente sarete impazienti di ritrovare i vostri compagni. L’anno scorso avete potuto vederli solo attraverso lo schermo di un computer ma so, per certo, che anche quella per voi è stata alla fine fonte di nuove scoperte e di una maggiore consapevolezza. Perché magari avete faticato a procurarvi un computer, e poi a cercare il posto della casa in cui si stabiliva la connessione migliore o un angolo più tranquillo per interagire meglio con gli insegnanti e i compagni e siete riusciti a coinvolgere pure i vostri genitori e avete superato ogni difficoltà con leggerezza e allegria, senza lamenti inutili.

Oggi voi ripartite tutti da una nuova bellissima struttura, dalla Città dei Ragazzi; dovrete rinunciare al compagno di banco, però insieme potrete ricominciare il vostro percorso formativo per diventare cittadine e cittadini del domani. E così, insieme e per voi, la città riprende forma e vita mentre il vostro sindaco è alla ricerca sempre di nuovi spazi che possano offrirvi occasioni di incontro e di condivisione di esperienze. Mettetemi a parte dei Vostri bisogni, fatemi conoscere i Vostri desideri, pensate a me non come al Sindaco ma come ad un Vostro compagno di giochi e di avventure e cerchiamo di rendere, insieme, questa città sempre più bella e più inclusiva. 

Buona scuola, ragazzi, e un abbraccio fortissimo dal vostro sindaco che vi vuole bene tantissimo”.