Ponte sullo Stretto, il viceministro ai Trasporti: “Il M5S è sempre stato contrario, è e rimane irrealizzabile”

dislivelli ponte subalveo

Ponte sullo Stretto. Il viceministro ai Trasporti prosegue la sua battaglia politica per la realizzazione di un collegamento stabile subalveo tra Sicilia e Calabria: “Nascerebbe quella che io chiamo la città metropolitana dello Stretto”

Bisogna pensare oltre lo stretto. La domanda che dobbiamo porci non è più se siamo favorevoli o meno al ponte. Ma se siamo d’accordo che l’alta velocità da Salerno arrivi fino a Palermo. Sono certo che, posta in questi termini la questione, non troveremmo una sola persona contraria“. Così Giancarlo Cancelleri, viceministro ai Trasporti del M5S, fervente sostenitore dell’idea di un tunnel sottomarino nello Stretto di Messina, in un’intervista su ‘La Stampa’.

Cancelleri tiene inoltre a sottolineare che il M5S “siciliano non è mai stato del tutto contrario. Ha sempre sostenuto di voler prima completare le infrastrutture necessarie. Esattamente quello che ha detto Conte. E poi non è che tutte le gallerie sono uguali: la Tav resta un’opera inutile. Questa invece sarebbe un unicum rivoluzionario che varrebbe anche come risarcimento morale per una popolazione che ha il diritto di poter vivere nella modernità“.

In merito ai rischi per l’ambiente Cancelleri dichiara: “Sarà una costruzione ecosostenibile: non toccheremmo il mare. Costruiremmo dentro il fondale, abbattendo l’utilizzo massiccio dei traghetti e l’inquinamento. Ma questo aspetto va coniugato con un altro, vitale per il Sud. Dobbiamo dare una chance a queste terre. Io non vedo solo un’opera: vedo lavoro, sviluppo, investimenti”.

In merito alle prime stime relative al costo del tunnel Cancelleri sostiene che: “Sono tra i 4,8 e i 5 miliardi. Abbiamo i soldi del Recovery fund e il piano di rilancio va presentato a ottobre. È un’occasione irripetibile. Ma bisogna avere chiaro che il tunnel è integrato all’interno di un progetto più ampio che serve a portare l’alta velocità in tutto il Sud“.

Sui malumori interni al Movimento 5 Stelle Cancelleri replica: “Il M5S è sempre stato contrario al ponte che è e rimane irrealizzabile. Questo progetto invece regalerebbe una metropolitana a entrambe le città e completerebbe la dorsale verticale europea del corridoio Berlino-Palermo. Nascerebbe quella che io chiamo la città metropolitana dello Stretto“. Malumori rispetto a questo progetto alternativo di collegamento stabile tra Sicilia e Calabria sono stati percepiti anche in area PD. Sul tema Cancelleri chiosa: “Io noto che i commenti negativi provengono solo dalle opposizioni che rivendicano il ponte perché ha matrice berlusconiana“.