Messina, controlli sul territorio: tre arresti [DETTAGLI]

arresti carabinieri

Servizi di controllo del territorio, tre persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia Messina Sud

Ieri, nel corso dei servizi di controllo del territorio, i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno arrestato tre persone, tutte già note alle forze dell’ordine.

Viola la sorveglianza speciale: arrestato 61enne

Nella notte, i Carabinieri della Stazione di Messina Gazzi hanno arrestato in flagranza di reato il 61enne S.V., ritenuto responsabile del reato di inosservanza degli obblighi della misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno cui era sottoposto.
I militari, nel corso di un servizio di controllo del territorio, lo hanno sorpreso fuori dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione, sebbene la Misura di Prevenzione applicata gli imponesse di permanere in casa dopo le ore 22.00. L’uomo è stato pertanto arrestato ed è stato condotto presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari a disposizione della Procura della Repubblica di Messina, in attesa di comparire davanti al Giudice per l’udienza di convalida dell’arresta e l’eventuale giudizio con rito direttissimo.

Arrestato pluripregiudicato: deve scontare 5 anni

 

Nella pomeriggio, sempre i Carabinieri della Stazione di Messina Gazzi, in esecuzione di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Messina, hanno arrestato T.S., 51enne pluripregiudicato messinese, condannato alla pena della reclusione di 5 anni ed 11 mesi per i reati di sottrazione di cose sottoposte a sequestro, ricettazione, falsa testimonianza, associazione a delinquere e maltrattamento di animali. Ultimate le formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi.

Estorsione, riciclaggio e spaccio: 48enne in manette

Infine, in attuazione di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria a seguito di un’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza, i Carabinieri della Stazione di Messina Tremestieri hanno arrestato il 48enne L.M., condannato in via definitiva per i reati di estorsione, detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e riciclaggio che dovrà espiare un residuo di pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione.
L’uomo era stato arrestato nel dicembre 2014 in esecuzione della misura cautelare eseguita dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Messina nell’ambito dell’indagine “Alexander”, che aveva tra fatto luce su un traffico di stupefacenti svolto nel quartiere di Santa Lucia sopra Contesse.
All’esito delle formalità di rito l’arrestato stato associato presso la Casa circondariale di Messina Gazzi dove dovrà scontare la pena.


Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE