Il matrimonio in Sicilia, tra moda e tradizione: a Barcellona Pozza di Gotto arriva “Disìo d’Amuri”

  • Foto di Michela D'Amico
    Foto di Michela D'Amico
/

Mario Incudine e Antonio Vasta narrano la cultura siciliana che “sposa” la moda. Appuntamento a Barcellona Pozzo di Gotto

Circondati dalla costa della Sicilia orientale che procede da Tindari a Milazzo e guardando il profilo delle isole Eolie, domenica 29 settembre, ore 18.30, il Parco Museo Jalari di Barcellona Pozzo di Gotto, ospita Disìo d’Amuri, una kermesse dedicata alla narrazione del matrimonio in Sicilia, combinando insieme natura e cultura, antropologia e moda.

Da un’idea di Antonella Giorgianni, “Disìo d’Amuri” presenta un percorso che si snoda lungo i viali puntellati dalle sculture e dalle fontane in pietra del Prof. Mariano Pietrini, insieme alle architetture di Salvatore Pietrinil’itinerario, inoltre, è segnato dalla presenza delle botteghe di antichi mestieri artigiani, dal sarto al fabbro fino alla Piazza Aromi e Sapori.

L’incontro tra la storia delle tradizioni della Sicilia e l’avanguardia della Moda Sposa si compie così come nella mission di Desio Sposa che presenta, per la prima volta in Sicilia, la Collezione 2020 di Elisabetta Polignano.

Foto di Michela D’Amico

L’evento prevede le performance musicali del cantastorie Mario Incudine e del musicista Antonio Vasta, specializzato in zampogna, organetto e fisarmonica.

Il floral designer Carmelo Antonuccio della Scuola Laboratorio Idea completa il parterre di attori protagonisti di “Disìo d’Amuri”.

L’evento è destinato alle future coppie di sposi e ai professionisti del settore wedding, provenienti dalla Sicilia e dall’Italia e alla stampa locale e specializzata in wedding.

Desio Sposa è un’atelier che sorge a Barcellona Pozzo di Gotto (ME): un’esperienza professionale di oltre quarant’anni garantisce alle future spose una selezione di abiti delle più importanti maison italiane e internazionali e un servizio personalizzato.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE