Reggio Calabria, i “Musicanti delle due Sicilie” in lizza per la finale del “premio Mia Martini” [FOTO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: in lizza per la finale del premio Mia Martini nella sezione Etnosong troviamo i “Musicanti delle due Sicilie”

In lizza per la finale del premio Mia Martini nella sezione Etnosong troviamo i “Musicanti delle due Sicilie”. Il gruppo musicale, nasce da un’idea di Nuccio Popone che, con la collaborazione di Antonio Tomasello, decidono di creare una piccola band. I brani sono assolutamente dedicati a Campania, Calabria e Sicilia con qualche accenno alla Puglia ed alla Basilicata. L’autore del brano finalista è il poeta Rocco Nassi mentre le musiche ed arrangiamenti sono di Salvatore Familiari e Nuccio Popone. “Con questa opera rendo merito a chi ha dato tanto al mio paese- sottolinea il poeta Rocco Nassi-  la figura del pescatore rappresenta un punto importante e fondamentale del passato e del presente di Bagnara Calabra”.
Si può sostenere il Brano alle finali radiofoniche del premio Mia Martini mandando un SMS al 48 83 888 inserendo: ES 6.

TESTO:

Piscaturi

O piscaturi chi cunti i to’ passi
e jetti a rizza nto fundu ru mari,
c’a to’ varcuzza tu na scia rassi
stramenti nnischi l’ami pe’ piscari.

O piscaturi chi mpari i to’ patri
e u mundu ’i to’ patri esti so’ figghju
chi sciuca a so ncirata petri petri
mu ppara puru i l’acqua e di lu friddu.

Passau comu l’unda sta jurnata
senza pena di focu e di caddu,
pe’ ttia si longaria pur’a nuttata
a vita to’ no’ vali mancu’n sordu.

Rrima rrima e va’ tagghja l’unda e si ndi va’
Nta stu mari blu
rrima rrima e va tagghja l’unda e si ndi va’.
Nta stu mari blu

O piscaturi chi cerchi rriparu
p’a to’ varcuzza chi ti runa u pani
si l’undi duci duci si ndi iru
po’ ventu ch’è rraggiau com’e cani.

O piscaturi chi perdisti u hjatu
Mi tiri u  conzu cu nu friddu i nvernu
Pregandu sul’a Ddiu… tutt’u piscatu
mi porta u beni nta sta notti ’i nfernu.
Tu chi zzucasti e zuch’i sta minna
chi ti pasciu i figghji pe campari
u mari esti com’a n’cor’i mamma
ti runa senza mai nent’a vuliri.

Rrima rrima e va’ tagghja l’unda e si ndi va’
Nta stu mari blu
rrima rrima e va tagghja l’unda e si ndi va’.
Nta stu mari blu.


Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE