Categoria: CALABRIAEDITORIALIFOTO & VIDEOFoto CalabriaFoto Reggio CalabriaGalleryNEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria: “una spada di Damocle pende sul capo degli abitanti di Serro Valanidi” [FOTO]

Reggio Calabria: la nota di Vincenzo CREA Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

“Con riferimento alla comunicazione inviataci lo scorso 19 maggio dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione Generale per la Sicurezza del Suolo e dell’Acqua, con la quale, tra l’altro, si precisa che non risultano richieste di finanziamenti per interventi in località Serro Valanidi, ci aspettiamo che la regione Calabria e il Comune di Motta San Giovanni procedono immediatamente alla determinazione progettuale e all’importo economico. Per quanto ci riguarda è un balletto tra Enti che non operano ed il Sindaco del Comune di Motta SG è il principale responsabile in quanto Autorità locale di protezione Civile”. Lo afferma in una nota Vincenzo CREA Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

“Per chi non conosce questo centro urbano del Comune di Motta SG ricordiamo che lo stesso comprende negozi, farmacia, cimitero, uffici comunali, 910 persone, 410 famiglie e 1 scuola. In buona sostanza visto le criticità certificate, questo centro abitato deve continuare ad esistere o conviene trasferirlo urbanisticamente in altro sito sicuro? e comunque anche in tal caso le opere arginali a protezione dell’incolumità generale e delle infrastrutture ivi presenti vanno sempre realizzate”.

“Di fronte alla perdurante ingiustificata inazione degli Enti competenti, avrebbero dovuto intervenire le amministrazioni territorialmente competenti in danno del soggetto inadempiente. Il colpevole adagiarsi delle Istituzioni locali, Comune di Motta SG e regione Calabria, nella speranza che gli eventi non si verifichino non è più tollerabile. Pertanto atteso il notevole decorso temporale, stante la persistente violazione di legge si ritiene potrebbero attivarsi prerogative Parlamentari e di Governo, financo, a commissariare gli Enti inadempienti”.