fbpx

Perugia-Reggina, i dilemmi di Aglietti: rotazioni o “squadra che vince non si cambia”? La probabile formazione [GRAFICA]

come gioca aglietti

Le possibili scelte di Aglietti in vista di Perugia-Reggina di domani:molti dubbi, forse mai come in questo caso, per tanti motivi

Rotazioni o “squadra che vince non si cambia”? Questo è il dilemma. Alfredo Aglietti in versione Amleto alla vigilia di Perugia-Reggina. C’è il turno infrasettimanale, quattro giorni dopo la vittoria contro il Parma e quattro giorni prima la sfida con il Cittadella. In mezzo, appunto, la trasferta del “Curi”, che qualche fatica comporta, non solo in campo ma anche per la trasferta in sé e per sé. Cosa fare, dunque? La rosa amaranto è ampia e diversi elementi hanno disputato pochi minuti ancora, in più al tecnico non bisogna parlare di turnover. In fondo, gente come Regini, Lakicevic, Liotti, Bianchi, Cortinovis, Ricci, Laribi, Montalto, non può essere definita riserva ed è anche normale che ci possa essere qualche rotazione alla luce delle tre gare in otto giorni. In compenso, però, c’è un blocco che nelle ultime due gare si è rivelato collaudato, consolidato, solido e per una trasferta complessa come quella umbra potrebbe essere rischioso cambiare troppe unità. A Lignano ad esempio, nell’unico turno infrasettimanale finora disputato, Aglietti aveva cambiato tanto e questo non aveva pagato. Ma vediamo nel dettaglio, reparto per reparto, le possibili scelte.

DIFESA – Micai è di nuovo disponibile, ma Turati non lo ha fatto per niente rimpiangere. Il primo dubbio è questo, ma il portierino del Sassuolo va verso la conferma. Rispetto a Parma, l’unico cambio potrebbe essere sulla destra, con Lakicevic per Loiacono, anche se il capitano ha ben figurato nelle sue due prime gare da titolare. Difficile che Liotti possa insidiare un Di Chiara in gran stato di forma, così come che Regini appena rientrato possa prendere il posto di Stavropoulos. Intoccabile, ovviamente, Cionek.

CENTROCAMPO – Crisetig non ha mai riposato e non lo farà neanche domani. Hetemaj aveva invece lasciato spazio a Bianchi a Vicenza e la staffetta si ripropone adesso. Possibile che chi parte dall’inizio domani possa cominciare dalla panchina lunedì. Sugli esterni, scalpita Ricci, che domenica non è subentrato. Potrebbe prendere il posto di uno tra Bellomo o Rivas, quest’ultimo apparso un po’ sulle gambe contro il Parma. Sullo sfondo anche Laribi.

ATTACCO – Montalto e Cortinovis fremono come i bambini che aspettano l’arrivo di Babbo Natale, ma Menez e Galabinov hanno fatto “6” in due gare e rappresentano la coppia titolare. Privarsene dall’inizio? Aglietti ci penserà una volta di più, ma potrebbe decidere anche di sederne uno solo (Menez).

Necessario ribadire che, mai come in questo caso, i dubbi siano più del normale. La squadra è partita quasi subito alla volta di Perugia, non ci sono stati allenamenti a porte aperte (quindi possibili indicazioni) né conferenza pre-gara. Pochi indizi, dunque, ed entrare nella testa del mister non è facile. Possibile però che, se poche saranno le rotazioni domani, maggiori potrebbero essere lunedì.

probabile formazione reggina