Rodia: i residenti di contrada Grancabella senz’acqua

/

Il consigliere Mario Biancuzzo sollecita sindaco e vicesindaco di Messina

I residenti di Contrada Grancabella a Rodia (Messina) non possono usufruire dell’acqua nelle abitazioni poiché l’AMAM non ha mai eseguito un lavoro di posa di un tubo da collocare al serbatoio, per consentire ai cittadini ivi residenti di poter usufruire dell’acqua potabile, bene primario ed indispensabile per un vivere dignitoso e civile“. A dirlo è il consigliere Mario Biancuzzo, che torna a sollecitare il sindaco e il vicesindaco di Messina per la realizzazione di un impianto di rete idrica nella zona. Nella suddetta contrada esiste un grande serbatoio adibito per raccogliere l’acqua potabile e successivamente viene immersa nella condotta idrica realizzata per erogare il preziosissimo liquido nelle abitazioni nei villaggi limitrofi. Il paradosso, evidenzia Biancuzzo, è che “è stato collocato, incredibile ma vero, un tubo che parte dal serbatoio, dove viene immersa l’acqua che risulta in eccesso e scarica nel torrente Rodia h 24 e va a finire in mare. Visto che, i cittadini ivi residenti hanno sempre richiesto interventi mirati alla realizzazione di tutte le opere necessarie per poter usufruire dell’acqua nelle abitazioni, ma mai realizzato è più facile disperdere l’acqua nel fiume”.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE