Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIASPORTSPORT HOME

Reggina-Spal, la probabile formazione amaranto: l’assenza di Menez scompagina i piani davanti [GRAFICA]

Tags: Notizie RegginaReggina

Reggina-Spal, la probabile formazione: le possibili scelte del tecnico amaranto Alfredo Aglietti contro i biancazzurri di Clotet

Un po’ di emergenza davanti a Crotone, ma il tecnico della Reggina Alfredo Aglietti pensava di poter recuperare tutti in una volta e “sbizzarrirsi” in casa contro la Spal. Li ha recuperati, in realtà, “quasi” tutti. Rientra Denis dopo le prime tre giornate fuori, Rivas è di nuovo a disposizione, ma si ferma Menez. Il francese viaggiava a gonfie vele verso il ritorno in campo dal primo minuto al fianco di Galabinov, ma la Spal – a lui – evidentemente porta sfortuna, considerando l’episodio dell’espulsione dello scorso anno. Nell’ultimo allenamento l’ex Milan si è fermato per un problema al tendine da valutare. Al mister non resta che scegliere il sostituto. Le alternative non mancano, andiamo a vedere quali potrebbero essere.

PORTIERE E DIFESA – Continuità. E’ questa la parola chiave nel reparto difensivo. Non dovrebbe esserci alcun stravolgimento nella retroguardia. Spazio ai “soliti 5” già presenti nelle prime tre di campionato.

CENTROCAMPO – Anche qui il concetto è simile, perlomeno per tre quarti del reparto. Ricci a destra confermato e lo stesso dovrebbe avvenire per Crisetig e Hetemaj in mezzo. L’incognita è a sinistra e dipende da chi davanti sarà il compagno di Galabinov. L’ago della bilancia è Rivas, che torna disponibile e dal primo minuto. Devastante a sinistra, ancor di più rispetto a quando ha giocato più accentrato e vicino alla porta, ma l’ultima decisione spetta al mister, che ha affermato in conferenza stampa che si prenderà la notte per pensare. Se sarà impiegato l’honduregno largo, spazio di nuovo all’attacco pesante, altrimenti sarà uno tra Laribi e Bellomo a mettersi a sinistra con Rivas al fianco di Galabinov.

ATTACCO – Qui i discorsi sono conseguenti a quelli fatti sopra. Neanche Aglietti, ancora, sa cosa farà. Facile pensare al 4-4-2 classico senza troppi fronzoli, come piace al mister. E se si torna all’attacco pesante, sarà di nuovo Montalto ad affiancare l’attaccante bulgaro, come visto a Crotone. Rivas è la seconda opzione, ma l’honduregno ha caratteristiche diverse dall’ex Bari e fungerebbe da vera e propria seconda punta. Terza opzione, che Aglietti non ha escluso, è quella di Cortinovis, ma resta da capire dove e come. Ha detto di vederlo, oltre che nei due in mediana, soprattutto dietro la punta. Insomma, l’assenza di Menez ha scompaginato i piani lì davanti. Certezze? All’uscita delle ufficiali.