fbpx

Messina, maxi sbarco di migranti nella notte: due positivi accolti al Covid hotel, trasferiti in Calabria tutti gli altri

/

Le persone sbarcate, in prevalenza di nazionalità egiziana e siriana, di cui 34 minori stranieri non accompagnati, sono tutti uomini tranne due bimbe e la mamma di una famiglia siriana

Sono 204 i migranti sbarcati ieri notte nel porto di Messina dopo essere stati individuati a bordo di un peschereccio intercettato da motovedette della Guardia Costiera al largo della costa ionica calabrese, l’imbarcazione non era alla deriva ed è asseritamente partita dalla Libia.

Dopo aver agganciato il natante la Guardia Costiera lo ha scortato verso il porto messinese e, durante la traversata, per un principio di incendio, si è reso necessario il trasbordo di tutti i migranti su 4 imbarcazioni della predetta Marina.

Verso le 22.30 le 4 unità con i migranti sono approdate al Porto di Messina dove gli stessi, appena giunti, sono stati sottoposti ai controlli medici e alle prime cure da parte del personale sanitario presente sul molo. Le attività di soccorso e accoglienza, coordinate dalla Prefettura di Messina, si sono protratte per tutta la notte e sono continuate nella mattinata odierna.

Le persone sbarcate, in prevalenza di nazionalità egiziana e siriana, di cui 34 minori stranieri non accompagnati, sono tutti uomini tranne due bimbe e la mamma di una famiglia siriana.

I migranti, dopo le prime cure sono stati fotosegnalati e rifocillati con pasti caldi forniti dal Comune di Messina.

Gli adulti nella mattinata odierna sono stati imbarcati sulla nave quarantena AZZURRA mentre i minori stranieri non accompagnati sono stati trasferiti al CARA di Crotone, tranne due che, risultando positivi, sono stati affidati al Comune di Messina che li ha accolti al Covid hotel.

Il sistema dell’accoglienza vede coinvolti diversi attori, tutti con compiti specifici in base alle diverse competenze e professionalità: Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Guardia Costiera, Vigili del Fuoco, Autorità Portuale, Comune di Messina, ASP, Usmaf, 118, CRI, Protezione civile comunale e regionale, associazioni di volontariato.

Al riguardo, va sottolineato lo spirito di servizio e il senso di umanità con le quali ha lavorato il personale di tutte le componenti del sistema dell’accoglienza durante tutte le operazioni.