fbpx

Il Covid per la campagna elettorale non esiste, Damante durissimo contro Conte: “da 2 anni non possiamo fare concerti” [VIDEO]

andrea damante contro conte

Le immagini delle piazze gremite per i tour elettorali dei politici hanno generato la reazione anche di Fedez: Giuseppe Conte risponde agli artisti con un video messaggio girato al porto di Reggio Calabria

“Un settore fermo da due anni (solo in Italia ovviamente), 200 mila persone ferme da due anni senza lavoro (con i vostri ristori di m***a del 2%). Migliaia di aziende chiuse e che continuano a chiudere, riaperture negate solo ed esclusivamente perché loro dovevano incassare… e adesso pubblicano le date del TOUR?”. E’ questo il duro sfogo sui di Andrea Damante, dj e personaggio televisivo, che ha postato tra le proprie Instagram Stories la locandina della campagna elettorale dell’ex Premier Giuseppe Conte in Calabria. L’ex tronista di Uomini e Donne non accetta il trattamento riservato agli addetti dello spettacolo in questo periodo di pandemia Covid e, postando le immagini di una piazza di Cosenza strapiena per il leader del Movimento 5 Stelle: “concerti e discoteche chiusi da due anni solo in Italia. E questi co****ni di ‘politici’ così… nella vita siete e sarete solo m***a ricordatevelo”. Molto critico anche Fedez che, sempre tramite i canali Instagram, scrive: “la vostra propaganda non può venire prima delle persone. Quando parliamo di concerti e di spettacoli non stiamo parlando di stronzate da poco, ma parliamo di più di 200 mila lavoratori falciadiati da quasi totale e politiche assenti. C’è un intero settore in ginocchio da due anni, dimenticato da tutti”.

A risponde alle critiche è lo stesso Giuseppe Conte. In un video di circa 30 secondi girato al porto di Reggio Calabria, risponde così a Fedez e tutti gli altri artisti che hanno alzato la voce: “sono 4-5 giorni che sto dicendo, dobbiamo ripartire tutti insieme. La filiera della cultura e dello spettacolo, ma anche degli eventi sportivi ha tanto sofferto. Non va bene portare la capienza all’80%, dobbiamo portarla al 100%, dobbiamo ripartire tutti insieme”. Una risposta, questa, che sicuramente non soddisfa nessuno, la figuraccia ormai è stata fatta, la presa in giro nei confronti del mondo dello spettacolo è plateale. Le regole valgono per tutti, oppure per nessuno, che tu ti chiami Giuseppe Conte, Matteo Salvini, Giorgia Meloni o Enrico Letta.

Cosenza, piazza strapiena per Conte. Damante: “noi non facciamo concerti da 2 anni, siete delle m***e” [VIDEO]

Conte risponde a Fedez: “via a concerti e stadi con capienza al 100%” [VIDEO]