Reggio Calabria: scovati 1261 evasori totali, coinvolti politici e persone insospettabili [FOTO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: illustrati questa mattina i risultati determinati dal piano di contrasto all’evasione tributaria che ha già prodotto un accertamento complessivo di circa 5 milioni di euro nei confronti di soggetti fino ad oggi nemmeno iscritti al ruolo per il pagamento delle imposte comunali

Si è tenuta stamani, nella Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio a Reggio Calabria, una conferenza stampa illustrativa dei risultati determinati dal piano di contrasto all’evasione tributaria che ha già prodotto un accertamento complessivo di circa 5 milioni di euro nei confronti di soggetti fino ad oggi nemmeno iscritti al ruolo per il pagamento delle imposte comunali. All’incontro hanno partecipato il sindaco Giuseppe Falcomatà, l’Amministratore Delegato di Hermes, Giulio Tescione, il comandante del Corpo della Polizia Metropolitana, Domenico Crupi ed il consigliere Rocco Albanese, delegato al recupero dell’evasione tributaria. Il piano di accertamento ha portato a scoprire 1261 evasori totali dando sorprendenti risultati con particolare riferimento alla posizione tributaria di personaggi politici, di associazioni cittadine e persone insospettabili della città. Nel dettaglio l’attività accertativa ha un un valore complessivo di 4.983.220,79 euro, sono state individuate 1146 persone fisiche per un totale di 3.903,074,079 euro e 115 persone giuridiche per un totale di 1.0803146 euro. “Questa analisi ci dice che non è vero che i tributi non si pagano nelle zone più povere della città– sottolinea il Sindaco Falcomatà- ma invece laddove si concentrano le attività produttive e gli studi professionali si concentra il più alto tasso di evasione, quindi il problema è culturale e qualcuno ha voluto fare il furbetto”. “Lavorando per ambiti, sui dati aggregati, siamo arrivati alla scoperta dei 1261 evasori totali che non erano nemmeno censiti all’anagrafe tributaria. Si tratta di un primo risultato importante, vogliamo proseguire su questa strada e rendicontare i risultati ogni 3 mesi”, afferma l’Amministratore delegato di Hermes, Giulio Tescione.


Valuta questo articolo

Rating: 4.4/5. From 7 votes.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE