Categoria: 1° PIANOCALABRIAEDITORIALIFOTO & VIDEOFoto CalabriaFoto Reggio CalabriaGalleryNEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria, brucia l’ex moglie: Ciro Russo arrestato mentre mangiava una pizza in pieno centro, non ha risposto alle domande. Si cercano complici [AGGIORNAMENTI LIVE]

Reggio Calabria: Russo è stato beccato in centro città dopo 36 ore di ricerche senza sosta da parte del personale delle Volanti

Dopo 36 ore di ricerche senza sosta da parte del personale delle Volanti, l’uomo che martedì mattina aveva dato fuoco all’ex moglie, Ciro Russo, è stato arrestato ieri sera intorno alle 21.50 nelle adiacenze di una nota pizzeria del centro storico di Reggio Calabria. Russo, con precedenti di polizia per maltrattamenti in famiglia, alle ore 08.40 di martedì 12 marzo, in via Frangipane, dopo aver aperto lo sportello dell’autovettura a bordo della quale era presente la moglie Maria Antonietta Rositani, spargeva liquido infiammabile e le dava fuoco. Le fiamme provocavano rilevanti ustioni in diverse parti del corpo della donna che è attualmente ricoverata in ospedale a Bari in prognosi riservata. L’uomo, dopo la fulminea azione criminosa, si è dato alla fuga ed è stato bloccato dagli Agenti della Polizia dopo 36 ore di controlli a tappeto in tutta la città. La coppia era separata di fatto da più di 1 anno e la donna aveva denunciato l’ex marito già in passato per maltrattamenti. Proprio la mattina di martedì i due avevano un’udienza di separazione. Dalle prime ricostruzioni degli inquirenti sembrerebbe che Russo – che si trovava ad Ercolano (Napoli) agli arresti domiciliari – sia evaso abbia viaggiato di notte in auto per raggiungere Reggio Calabria e compiere l’aggressione. Si trovava agli arresti domiciliari dal 5 Febbraio 2018, dopo 16 giorni di carcere disposti con provvedimento del Gip di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a conclusione di indagini condotte dalle squadra mobile reggina per maltrattamenti in famiglia. Dopo la cattura in sede di interrogatorio, il Russo non ha risposto alle domande degli inquirenti.

Le indagini della Squadra mobile e dello Sco della Polizia in queste ore sono concentrate sugli eventuali aiuti di cui potrebbe avere goduto il Russo. “Stiamo cercando di capire – ha detto il capo della Squadra mobile Francesco Rattàse qualcuno lo abbia aiutato in queste 48 ore. Le indagini che svolgeremo saranno indirizzate anche a verificare questo. Oggi non posso dire che sia stato aiutato nella sua fuga, nell’attivita’ di sottrarsi alle ricerche della polizia. Ovviamente vedremo. Se ci sono responsabilita’ di soggetti terzi, li individueremo e li perseguiremo“.

Russo e’ stato bloccato mentre stava mangiando un trancio di pizza in un locale del centro citta’, nei pressi del Museo Nazionale della Magna Grecia. “E’ stato un giorno e mezzo di ricerche incessanti – ha detto Rattà -. Non ci siamo fermati un solo attimo, non solo per la gravita’ del fatto in se’, ma anche perche’ l’autore di questo atroce delitto era in fuga. Pensavamo fondatamente, dagli elementi che avevamo in valutazione, che Russo non si fosse spostato. Al momento della cattura non ha detto nulla. Posso dire che non aveva intenzione di consegnarsi alla giustizia. Era rimasto a Reggio Calabria perche’, probabilmente, stava preparandosi per andar via, ma sono elementi che saranno oggetto di valutazione. Non sappiamo dove abbia potuto trovare rifugio, se ha trovato riparo in qualche abitazione, oppure se sia rimasto per strada. Mi sembra difficile perche’ abbiamo pattugliato tutte le strade. Abbiamo capillarmente setacciato una parte del territorio cittadina che ci sembrava utile per rintracciarlo. E quanto meno ritenevamo che in quella parte del territorio particolarmente attenzionata, potesse essere presente, e alla fine siamo riusciti ad individuarlo”. “Abbiamo operato per esercitare pressione sul territorio, o meglio – ha affermato il Capo della Squadra Mobile reggina – per verificare, in loco, se ci fossero elementi utili per il suo rintraccio”. “E’ stata una cattura – ha detto Francesca Romana Capalbo dello Sco – arrivata dopo incessanti ore di lavoro da parte della Squadra mobile e del Servizio centrale operativo della Polizia di Stat. Un’attivita’ fatta di estrapolazione di immagini di videosorveglianza, e soprattutto di pressione esercitata sul territorio. Nulla e’ andato storto. Tutte le attivita’ si sono susseguite come nella normalita’ dei casi. C’e’ stato un grande lavoro di acquisizione di immagini e di incessante pressione, perche’ si era compreso, grazie alle stesse immagini che avevamo acquisito, che quest’uomo si trovava nella zona dove poi e’ stato fermato“.

Reggio Calabria, Francesca Romana Capalbo dello Sco e Francesco Rattà della mobile illustrano i particolari dell’arresto di Ciro Russo [VIDEO]

Reggio Calabria: le immagini dell’arresto di Ciro Russo [VIDEO]

Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore
Foto StrettoWeb / Salvatore Datomore

Articoli recenti

Messina, Unime: al via la Scuola di Liberalismo

Al via la Scuola di Liberalismo: il corso di formazione politica e culturale promosso dalla Fondazione Luigi Einaudi ed organizzato col…

19 Marzo 2019 20:07

A Messina arriva “Bellissima”: ecco il nuovo gioiello di Msc [FOTO]

Al porto di Messina arriva "Bellissima", la nuova ammiraglia Msc: è la più grande nave da crociera mai costruita da…

19 Marzo 2019 19:52

Reggio Calabria, il sindaco incontra i rappresentanti delle impresa reggine: “evitare il dissesto e rilanciare il comparto produttivo”

Reggio Calabria: Falcomatà ha incontrato nel pomeriggio di oggi i rappresentanti delle imprese cittadine riuniti presso la sede della Camera…

19 Marzo 2019 19:30

Ex province in Sicilia, Armao: “Lo Stato faccia presto”

Ex province in Sicilia, il vicepresidente Armao: "Servono interventi sul piano normativo e finanziario" "La Regione si batte da mesi…

19 Marzo 2019 19:10

Reggio Calabria: sospensione temporanea dell’attività del convitto della Scuola Agraria di Palmi

Reggio Calabria, l'Amministrazione Comunale di Palmi: "in merito alle voci circolate sulla chiusura del convitto della Scuola Agraria, si precisa…

19 Marzo 2019 19:04

L’Arma dei Carabinieri e il valore della fedeltà allo Stato: seminario di studi all’Università di Messina

A Messina l'iniziativa promossa dalla Cattedra di Istituzioni di Diritto Pubblico del Corso di Laurea di Scienze politiche e delle…

19 Marzo 2019 18:56