Marina militare: terminata l’esercitazione bilaterale di cooperazione tra la marina militare italiana e quella tunisina denominata “Oasis 2019” [FOTO]

/

Marina militare: terminata l’esercitazione bilaterale di cooperazione tra la marina militare italiana e quella tunisina denominata “Oasis 2019”. L’esercitazione si è rivelata un buon momento per rinnovare la partnership con il paese nord africano

È terminata ieri l’esercitazione bilaterale Italo-Tunisina OASIS iniziata lo scorso 4 febbraio nella sede di Taranto. L’esercitazione, appuntamento che si rinnova ogni anno, si colloca nell’ambito di una serie di attività di collaborazione che la Marina Militare svolge con le marine dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo e che contribuiscono ad accrescere e consolidare la capacità di cooperazione tra le stesse. L’edizione di quest’anno, a guida italiana, è stata pianificata e coordinata dal Centro Addestramento Aeronavale della Marina Militare di Taranto (MARICENTADD). Durante l’esercitazione le forze navali italiane e tunisine si sono addestrate insieme nel campo della Ricerca e Soccorso Marittimo (SAR), sorveglianza e controllo del traffico marittimo, contrasto alle attività illecite via mare, ricerca e rimozione di ordigni rinvenuti sul fondale marino, controllo del danno e difesa passiva (antincendio e antifalla). La novità è rappresentata dalla creazione del Combined Maritime Operational Centre (C-MOC), una centrale operativa costituita da personale italiano e tunisino che ha controllato, da MARICENTADD, le operazioni in mare dei rispettivi assetti, condividendo le informazioni necessarie ad ottenere una precisa e puntualeMaritime Situational Awareness (MSA). La Marina Militare ha partecipato all’esercitazione con il Pattugliatore d’Altura Comandante Cigala Fulgosi, un elicottero SH-212 imbarcato, un team ispettivo della Brigata Marina San Marco e un team di subacquei del Comando Subacquei e Incursori (COMSUBIN) appartenenti al nucleo Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi (SDAI) di Taranto. La Marina tunisina era presente con il pattugliatore JUGURTHA, un team ispettivo, un team di subacquei e un elicottero H60M proveniente dall’aeroporto militare di Tunisi e rischierato per l’occasione presso la Stazione Aeromobili della Marina Militare di Grottaglie. Le esercitazioni della serie Oasis si inseriscono in una dimensione più ampia di partnership che ha lo scopo di rafforzare la cooperazione internazionale, in un contesto di sicurezza condivisa e in risposta alle rinnovate sfide che interessano lo scacchiere strategico del Mediterraneo.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...