Cesare Battisti sceso dall’aereo senza manette e circondato dalla polizia [FOTO LIVE]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Atterrato a Ciampino l’ex terrorista Cesare Battisti

E’ sceso pochi minuti fa dall’aereo Falcon 900 dell’Aeronautica militare Cesare Battisti il terrorista dei Pac catturato in Bolivia e rientrato in Italia dopo 37 anni di latitanza. Jeans e giacca marrone, testa alta, pizzetto e senza manette ai polsi. Poco dopo l’apertura del portellone dell’aereo un gruppo di sette agenti di polizia e’ salito sul velivolo, mentre un’altra decina di agenti, in parte armati di mitraglietta attendeva ai piedi della scaletta, e nel giro di qualche minuto Battisti è sceso dall’aereo. Ha rivolto qualche parola agli agenti che lo tenevano sotto braccio, e’ apparso tranquillo e non ha mai abbassato lo sguardo mentre procedeva scortato dagli agenti.

Ad attendere l’arrivo dell’ex terrorista, all’interno dello scalo di Ciampino, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che ha affermato:”Oggi diciamo al mondo che nessuno può sottrarsi alla giustizia italiana“. “Quando Battisti varcherà la porta del carcere finalmente sconterà la pena dell’ergastolo per tutti i reati che ha commesso“, ha aggiunto.  “Mi piace dire che e’ il risultato di un intero Paese, un risultato storico: quando le istituzioni italiane sono compatte non ci ferma nessuno. Oggi l’Italia va a a testa alta“. “Parliamo di un pluriomicida che si e’ macchiato di reati gravissimi – ha detto – e con la sua fuga ha offeso il Paese. Il momento in cui la giustizia fara’ il suo corso e’ quando varchera’ la porta del carcere: a quel punto scontera’ la pena dell’ergastolo“.

Presente anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha affermato: “Spero di non incontrarlo da vicino”.  “A nome di 60 milioni di italiani ringrazio le forze dell’ordine. Il clima è cambiato, chi sbaglia paga. Va in carcere un assassino, un delinquente che non ha mai chiesto scusa“.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...