Reggio Calabria, via Nazionale Pentimele chiusa al traffico “a tempo indeterminato” dopo l’incidente mortale: attività tagliate fuori dalla città, traffico nel caos per la zona Nord [FOTO LIVE]

/

Reggio Calabria, chiusa e transennata via Nazionale Pentimele dopo l’incidente mortale di Venerdì scorso: numerose attività tagliate fuori dalla città, traffico nel caos tra il centro e la zona nord

Si aggravano i disagi per i cittadini di Reggio Calabria che devono subire pesantissime code per i collegamenti in città: la zona Nord vive una sorta di semi-isolamento con il centro storico da ormai quasi una settimana, dopo il drammatico incidente mortale costato la vita a Domenico Spinella e Maria Teresa Mento venerdì scorso a Pentimele. I due sono deceduti sul colpo dopo un terribile incidente provocato dalle voragini del fondo stradale dissestato in via Vecchia Nazionale Pentimele, in un tratto che è stato sequestrato per l’indagine della Procura.

Ma oltre al tratto posto sotto sequestro, un’area ben più ampia tra Santa Caterina e Pentimele è stata nelle ultime ore transennata in modo stabile, con cordoli pesanti sul terreno che ne limitano l’accesso e il transito “a tempo indeterminato“. Parliamo di diverse centinaia di metri di strada, un’arteria fondamentale per il collegamento cittadino.

La strada rimane praticamente sterrata, zeppa di buche e voragini e con numerose perdite alle tubature che aggravano ulteriormente di giorno in giorno le condizioni del fondo stradale. Molte attività, tra cui due importanti stazioni di rifornimento carburanti, un tabacchino, un’autocarrozzeria, due bar, un pescivendolo, una bottega, una rosticceria di nuova apertura, un negozio di elettrodomestici, un gommista, due palestre, un negozio di prodotti per la pesca, numerosi uffici e decine di appartamenti residenziali, sono completamente tagliate fuori dalla città e costrette a disagi molto gravi. L’Atam ha tagliato tutte le corse degli autobus non solo nella zona di via Nazionale Pentimele, ma addirittura in tutto il quartiere di Santa Caterina. L’unico collegamento tra il centro cittadino e la periferia Nord (Pentimele, Archi, Gallico) rimane quello lato mare (la tangenziale del porto e via Vecchia Pentimele), che ogni giorno negli orari di punta di ingresso/uscita a scuole e uffici si intasa con code lunghissime.

Intanto i corpi delle due vittime dell’incidente rimangono sotto sequestro all’obitorio: i familiari, impediti persino alla celebrazione dei funerali, continuano a deporre fiori nel luogo della tragedia.