Reggio Calabria: negozio incendiato in pieno centro, domani sit-in di Libera. La proprietaria: “ho sentito la città vicino” [FOTO e INTERVISTE]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria: domani iniziativa di Libera sul Corso Garibaldi di solidarietà e protesta. Giuseppe Marino: “serve una risposta subito ed immediata, in città la situazione non accenna a cambiare con un’illegalità diffusa”

Il coordinamento di Libera Reggio Calabria questa mattina, presso la propria sede di via P. Pellicano, ha tenuto una conferenza stampa per annunciare un’iniziativa pubblica resasi necessaria a seguito dell’attentato incendiario che ha devastato la neonata attività commerciale della signora Anna Pontari e della sua famiglia, anch’essi presenti all’icontro di oggi. L’appuntamento è per domani, mercoledì 21 ore 18 sul corso Garibaldi, angolo tapis roulant, per un sit-in di solidarietà e protesta. Sono stati invitati tutti i cittadini e le istituzioni, a scendere in piazza assieme a Libera ed alla signora Anna Pontari. Contestualmente, sarà creato un conto sul quale chiunque, secondo le proprie possibilità, potrà contribuire economicamente, e liberamente, alla ricostruzione dell’attività commerciale devastata. Giuseppe Marino, referente di Libera, ai microfoni di StrettoWeb, afferma: “serve una risposta subito ed immediata, in città la situazione non accenna a cambiare con un’illegalità diffusa”. Il referente di Libera Calabria, Ennio Stamile, afferma:“la provincia dove si riscontra di più il fenomeno del racket è quella di Reggio Calabria, poi, a ruota, Vibo Valentia dove si registra anche il più alto tasso di usura in generale. I dati in nostro possesso ci dicono che circa il 75% delle imprese e delle attività commerciali in Calabria pagano il pizzo o si rivolgono agli usurai. A Reggio questa percentuale è molto elevata e supera il 90%”. La proprietaria del negozio “Zero Glutine Life”, Anna Pontari, dice: “siamo devastati dall’accaduto, ringrazio tutti per la solidarietà, la città ci è stata vicina”.