Reggina nel caos, squadra costretta a scappare ancora da Reggio per l’inagibilità del Granillo: col Siracusa si giocherà a Rende a porte chiuse

Pasticcio Reggina: oltre il danno la beffa, con il Siracusa in campo neutro a Rende ed a porte chiuse. La società parla di “danni incalcolabili”

E’ la seconda gara, dopo quella con il Monopoli a Vibo Valentia, che la Reggina gioca lontano dal Granillo. Il Granillo è ancora inagibile in quanto il Comune non ha ancora finito i lavori di adeguamento richiesti per l’agibilità. Una situazione paradossale che sta creando enormi disagi ai tifosi ed a coloro (purtroppo ormai pochi) che vogliono seguire la squadra. Tra l’altro in questa occasione oltre il danno la beffa: la partita degli amaranto contro il Siracusa sarà disputata in campo neutro a Rende ed a porte chiuse come disposto dal Prefetto della Provincia di Cosenza. La società amaranto comunica “che, in attesa di riavere la disponibilità del suo campo di gioco, senza il quale i danni sono ormai incalcolabili, ha inoltrato, come prevede il regolamento, richiesta della disponibilità delle strutture di tutti i campi calabresi omologati per il campionato di serie C”. Insomma, un caos senza precedenti, non degno di una squadra con una storia gloriosa come gli amaranto.