Messina, trovata bomba in un cantiere: risale alla 2ª guerra mondiale, è ad alto potenziale esplosivo [FOTO]

  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
  • Foto di Alessio Villari
    Foto di Alessio Villari
/

Trovato ordigno bellico in un cantiere a Messina: la bomba risale alla seconda guerra mondiale e pesa 250 libbre, sarà fatta brillare

Contiene dai 31 ai 40 chilogrammi di esplosivo ad alto potenziale e risale alla seconda guerra mondiale. È la bomba MK1GB da 250 libbre inglese trovata in un cantiere di via Don Blasco, a Messina. Gli artificieri della Polizia di stato hanno già effettuato il primo intervento mettendo in sicurezza l’ordigno ed è stata già individuata l’area che potrebbe essere idonea alle operazioni di disinnesco. Spetterà ora alla Prefettura coordinare tutte le operazioni necessarie per far brillare l’ordigno. Per far brillare la bomba sarà necessario evacuare la zona per un raggio di 300 metri. Intanto nella giornata di ieri il vicesindaco Salvatore Mondello ha già effettuato un sopralluogo nella zona del ritrovamento, insieme al Maggiore Giuseppe Ruvolo del IV Reggimento Genio Guastatori di Palermo, dipendente della Brigata Meccanizzata Aosta, al direttore dei lavori Antonio Rizzo e al geometra Marco Cassarà dell’impresa Medil.

“Si è in presenza di un caso eccezionale– ha detto il vicesindaco-in quanto la profondità alla quale è stato ritrovato l’ordigno bellico è maggiore rispetto a quella prevista dalle possibili ricognizioni. La presenza oggi dell’Esercito – ha concluso Mondello – è dovuta, in quanto provvederà ad un primo accertamento dello stato dell’arte dell’ordigno, e successivamente sarà programmata l’azione da adottare attraverso un tavolo tecnico alla Prefettura di Messina al fine di coinvolgere tutti gli attori interessati”.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE