fbpx

Reggio Calabria, brogli elettorali al Comune. Il Procuratore Bombardieri: “quadro delittuoso più ampio preparato molto prima delle elezioni”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, brogli elettorali al Comune: le parole del procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri

Si tratta di un secondo momento dell’attivita’ investigativa, partendo dalle dichiarazioni di Carmelo Giustra, ex presidente di un seggio elettorale, che ha ricostruito tutti i passaggi delle azioni delittuose commesse e contestate al consigliere comunale Antonino Castorina“. Queste le dichiarazioni del procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri durante la conferenza stampa degli arresti effettuati oggi riferiti ai presunti brogli elettorali alle elezioni comunali di Reggio Calabria. “Si tratta – ha aggiunto – di azioni collocate in un quadro delittuoso piu’ ampio e preparato molto prima delle elezioni, anche durante una riunione alla quale ha preso parte Giustra che ci ha confermato con le sue dichiarazioni”. “Lo stesso Castorina – ha concluso Bombardieri – si e’ autonominato, con una delega, componente della commissione elettorale comunale che ha provveduto alla nomina degli scrutatori dei seggi, alcuni dei quali indicati da lui stesso, senza adoperare lo strumento del sorteggio, e che poi sono stati funzionali in suo favore all’interno delle sezioni sotto indagine”.

Reggio Calabria, i brogli elettorali di Castorina & company: altri arresti della DIGOS, anche uno scrutatore e un giornalista [NOMI e DETTAGLI]