fbpx

Morte Denis Bergamini: dopo 32 anni è indagata l’ex fidanzata del calciatore del Cosenza

Foto di Antonietta Belcastro / Ansa

Morte Denis Bergamini, dopo 32 anni risulta indagata la ex fidanzata Isabella Internò: l’accusa è di concorso in omicidio

Nuova importante svolta nel torbido caso riguardante la morte di Denis Bergamini, calciatore del Cosenza ritrovato morto il 18 novembre 1989 sulla strada statale 106 Jonica, nei pressi di Roseto Capo Spulico. All’epoca si parlò di suicidio: si pensò che Bergamini fosse stato investito da un camion, ma l’ipotesi non convinse mai nè la famiglia, nè colleghi e amici più stretti del ragazzo che vollero andare fino in fondo. Oggi risulta indagata con l’accusa di concorso in omicidio la ex fidanzata del calciatore, Isabella Internò. La donna ha 20 giorni per produrre una memoria difensiva e chiedere di essere interrogata.

Nell’inchiesta, aperta 6 anni fa dall’ex procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e poi proseguita e chiusa dal pm Luca Primicerio, si ipotizza un possibile tentativo di vendetta per la fine del rapporto amoroso, voluta dal calciatore, con l’attuale indagata. Si pensa che Bergamini possa essere stato narcotizzato, asfissiato e poi posto sull’asfalto per inscenare la sua morte in un incidente. Archiviate le posizioni di Luciano Conte, poliziotto e marito della Internò, all’inizio accusato di favoreggiamento, e quella di Raffaele Pisano, autista di Rosarno, sospettato di concorso nel delitto.