Camera, oggi la fiducia al Governo: “al G7 ci faremo rispettare” [FOTO]

  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
  • LaPresse / Roberto Monaldo
    LaPresse / Roberto Monaldo
/

Il premier Conte oggi alla Camera per il voto al suo programma di governo dopo aver incassato la fiducia del Senato

Il premier Conte oggi è alla Camera per il voto di fiducia al suo governo dopo averlo avuto ieri in Senato. Chiara la posizione del neo-premier relativamente ai rapporti con gli altri paesi Al G7 “la prima posizione dell’Italia sarà farsi conoscere e la seconda sarà farsi rispettare’. Il Pd non sembra però accogliere il programma e la politica del neo-governo. E’ il reggente del Pd, Maurizio Martina, ha dichiarare con fermezza che “quello di questo governo non è un progetto per il futuro del paese: serve solo a voi per stare insieme. Nel contratto non c’è nulla di utile per costruire una traiettoria di futuro del paese. Il vostro contratto è iniquo per le scelte che propone”.  “Se deciderete di presentare un condono mascherato noi vi daremo battaglia. Se deciderete di discriminare per nascita i bambini negli asili, noi vi daremo battaglia. Se deciderete di fare una controriforma fiscale dove chi ha di più paga di meno, noi vi daremo battaglia. Noi – ammonisce – saremo l’alternativa, l’alternativa popolare, l’alternativa sociale”.