Università di Messina: presentata la Settimana Mondiale della Tiroide

/

Questa mattina si è svolta presso l’Università di Messina la conferenza stampa di presentazione della Settimana Mondiale della Tiroide che si svolgerà dal 21 al 27 maggio

Si è svolta stamane, in Sala Senato, la conferenza stampa di presentazione delle iniziative dell’Ateneo e dell’AOU Policlinico “G. Martino”, organizzate in occasione della Settimana Mondiale della Tiroide (21 -27 maggio). Erano presenti il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, il prof. Giovanni Tuccari, Prorettore all’Area Medico-Sanitaria, il dott. Giuseppe Laganga, Direttore amministrativo del Policlinico universitario e il  prof. Salvatore Cannavò, direttore dell’UOC di Endocrinologia.   La settimana, finalizzata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle patologie tiroidee, sarà caratterizzata da iniziative di screening ed informazione coordinate dall’Unità diretta dal prof. Cannavò e destinate a chi non si è mai sottoposto ad una valutazione specialistica della tiroide. “La Settimana Mondiale della Tiroide – ha commentato il Rettore – è uno dei tanti eventi frutto della virtuosa sinergia fra l’Ateneo ed il Policlinico. Attività come questa testimoniano la passione dei colleghi che operano all’interno dell’AOU ‘G. Martino’ e l’importanza che l’Azienda riveste per la città”. “Eventi del genere – ha detto il dott. Laganga – sono importanti e consentono di comunicare alla cittadinanza l’attenzione particolare che l’Azienda rivolge alla prevenzione, all’umanizzazione ed all’accoglienza dei pazienti.

L’unità di intenti fra Università e Policlinico è fondamentale e l’augurio è quello di poter rinnovare iniziative simili anche in futuro”. “La Settimana Mondiale della Tiroide – ha dichiarato il prof. Tuccari – mette al centro non solo le eccellenze degli operatori di Endocrinologia, ma sottolinea la necessità medica di percorsi multidisciplinari. In tal senso l’Ateneo e l’AOU hanno investito moltissimo e ciò è senz’altro un motivo d’orgoglio per tutto il territorio”. “Si tratta – ha detto il prof. Cannavò – di un evento internazionale, grazie al quale vengono riunite svariante professionalità dell’ambito medico. Il tema principale di quest’anno riguarderà l’apparato muscolo-scheletrico e perciò daremo ampio spazio al rapporto con i giovani e lo sport ed i bambini. Non a caso verranno coinvolti anche i pediatri. In particolare, dal 21 al 23 maggio, dalle 14.30 alle 17, sarà attivo un ambulatorio di screening gratuito per i noduli della tiroide, con ecografia e consulenza endocrinologica per chi ha più di 25 anni d’età, presso l’UOC di Endocrinologia Policlinico (al IV piano del pad. H).

Le prenotazioni potranno essere effettuate fino al 17 maggio e il 21 e 22 maggio (telefonando dalle 14.30 alle 16.30 al n. 0902212572, fino all’esaurimento dei 150 posti disponibili). Il 24 e 25 maggio, invece, sarà allestito un campo sanitario mobile multidisciplinare, con il contributo delle UUOOCC di Endocrinologia, Pediatria e Medicina Nucleare e delle UUOOSSDD di Endocrinochirurgia e di Ecografia, nel cortile centrale dell’Ateneo messinese, ove bambini e giovani fino a 25 anni di età potranno effettuare lo stesso tipo di screening.  Inoltre, uno spazio del campo sarà dedicato allo sport, grazie al contributo del Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute dell’Università di Messina, del CUS Messina e del CONI”. Nel corso della conferenza stampa il dott. Laganga ha reso noti i dati di “Campus Salute”, evento che, lo scorso giugno, ha visto in prima fila la Onlus Campus Salute, l’Ateneo, il Policlinico e l’ASP Messina, nell’allestimento di un villaggio della Salute in Piazza Unione Europea: 508 le persone visitate, 1018 gli screening effettuati, 2584 le prestazioni compiute, 380 gli screening da approfondire. Numeri che simboleggiano l’importanza della prevenzione.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...