Reggio Calabria, lo straordinario spettacolo “nascosto” della spiaggia sabbiosa incontaminata di Catona Bolano, dove il tempo s’è fermato [FOTO e VIDEO]

  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
  • Foto Strettoweb / Simone Pizzi
    Foto Strettoweb / Simone Pizzi
/

Lo spettacolo della spiaggia di Catona Bolano a Reggio Calabria

Lungo la costiera settentrionale di Reggio Calabria è possibile ammirare le bellezze della meravigliosa spiaggia di Catona Bolano, un lembo di spiaggia sabbiosa che conserva aspetti di vegetazione psammofila in buono stato. Le Fiumare Gallico e Catona trasportano verso il mare grandi quantità di sedimenti (sabbie e conglomerati) che accumulandosi hanno costruito le antistanti piane alluvionali. I sedimenti giunti sulla costa dello Stretto di Messina vengono rimaneggiati da processi eolici e marini costieri. In particolare quest’ultimi sono dovuti alle forti correnti innescate dallo scambio ciclico tra le acque del mar Ionio e Tirreno. I processi raggiungono il massimo della loro intensità lungo la costa ed in particolare nei pressi dei promontori costruiti dai delta conoidi delle fiumare. Qui lungo il lato sottocorrente si creano le condizioni ottimali di accumulo di ingenti quantità di sedimenti sabbiosi che il vento successivamente modella formando diversi allineamenti di dune fisse e mobili con vegetazione psammofila ad Ammophila arenaria separate da depressioni interdunali con ambienti umidi. L’area dal punto di vista bioclimatico appartiene alla fascia termomediterranea della regione mediterranea, con regime oceanico stagionale. La spiaggia sabbiosa ha fasce di vegetazione in discreto stato di conservazione. Si tratta di un tipo di ambiente tra i più danneggiati della Calabria meridionale, dove i sistemi dunicoli costieri sono stati quasi tutti spinati per la costruzione di ferrovie e strade.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE