fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Reggio Calabria, ecco la nuova Giunta di Falcomatà: “colpo” Rosanna Scopelliti, ma la casella più importante resta vuota [NOMI e DETTAGLI]

rosanna scopelliti giuseppe falcomatà

Reggio Calabria, i nomi dei nuovi Assessori Comunali: Falcomatà schiera la formazione con cui disputerà il secondo tempo

Esattamente 3 settimane dopo il ballottaggio che l’ha visto trionfare contro il Centrodestra di Antonino Minicuci, il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha completato il lavoro di consultazione con tutti i partiti e i movimenti della coalizione vincente ed è riuscito a partorire un quadro – seppur ancora parziale – della nuova squadra con cui si appresta a disputare il “secondo tempo” che la città gli ha voluto concedere alle elezioni. La nuova Giunta verrà presentata domani mattina alle ore 11:00 sul Lungomare, nell’area del monumento “Opera” dell’artista Edoardo Tresoldi che tanto ha fatto discutere la città negli ultimi mesi, in un incontro riservato alla stampa senza presenza di pubblico nel rispetto delle piu recenti disposizioni normative anticovid.

Scorrendo la lista dei nuovi Assessori di Falcomatà, balza subito all’occhio l’importante presenza di Rosanna Scopelliti: è il vero “colpo” del Sindaco, che mette in squadra una figura molto preparata con una delega importante come quella alla Legalità. Figlia del magistrato Antonino Scopelliti, barbaramente assassinato dalla criminalità organizzata nel 1991 a Piale di Villa San Giovanni, nel 2013 è stata nominata in parlamento da Giuseppe Scopelliti, allora Governatore della Regione Calabria che l’ha voluta in seconda posizione della lista del PdL, garantendole così un’elezione sicura. In parlamento ha lavorato molto e bene nella VI Commissione (Difesa), occupandosi di contrasto alla criminalità organizzata e mantenendo un forte legame con la sua Calabria. Nel 2018, conclusa l’esperienza parlamentare, ha continuato la propria battaglia contro le mafie con lodevoli iniziative culturali e sociali a Reggio e in Calabria con la Fondazione Antonino Scopelliti, intitolata alla memoria del padre.

L’ingresso in Giunta di Rosanna Scopelliti porta grande qualità, e anche quel rinnovamento che serviva.

E’, tuttavia, l’unica “new entry” rispetto al gruppo di amministratori con cui Falcomatà ha già disputato il primo tempo: gli altri Assessori comunali hanno tutti già avuto importanti ruoli di governo negli ultimi anni. In modo particolare Giovanni Muraca (nella foto), indagato sia nel processo Miramare che nell’inchiesta “Helios” sullo scandalo dell’Avr, resta in Giunta con una delega delicata come quella dei Lavori Pubblici; Paolo Brunetti, premiato per come ha lavorato nella gestione dei servizi idrici durante “primo tempo”, disputerà il “secondo tempo” da Assessore all’Ambiente e alla Polizia Municipale con la speranza e l’augurio che riesca a fare bene dopo l’esperienza maturata negli scorsi anni. Restano in Giunta anche Irene Calabrò (Tributi e attività produttive) e Mariangela Cama (Urbanistica). Nella nuova squadra di Governo ci saranno anche Rocco Albanese del Pd e Demetrio Delfino di Articolo Uno. L’ex Presidente del Consiglio Comunale avrà la delega alle politiche sociali.

Resta vacante, però, il tassello più importante e delicato: Falcomatà non nomina, per adesso, il vice Sindaco e trattiene per sè altre deleghe importanti che completerà successivamente. Per il suo vice, aveva individuato un’importante personalità del mondo culturale e accademico reggino, che però ha gentilmente declinato la proposta. Resta così vuoto il ruolo chiave della nuova Giunta, che potrebbe andare a svolgere le funzioni da Sindaco nel corso della consiliatura in caso di eventuale sospensione di Falcomatà per gli sviluppi del processo Miramare.

Gli Assessori scelti all’interno del consiglio comunale (Albanese, Brunetti, Delfino, Muraca e Calabrò) si sono dimessi oggi e al loro posto sono stati nominati i relativi sostituti, individuati in base alle preferenze ottenute nelle rispettive liste elettorali. Erano i primi non eletti: si tratta di Nancy Iachino, Giovanni Latella (detto “Ti mangiu u cori“), Massimiliano Merenda, Nino ZimbalattiGiuseppe Nocera.

Il primo consiglio comunale si riunirà lunedì 26 ottobre alle ore 10:00 (prima convocazione) per la convalida degli eletti, il giuramento del sindaco, l’elezione del Presidente del consiglio, dei vice presidenti e dei segretari questori, e le comunicazioni del Sindaco sulla composizione della Giunta e sulle linee politiche e programmatiche per la nuova consiliatura.