fbpx

Piazza De Nava, denuncia delle associazioni reggine: “Soprintendenza ignora presenza di necropoli ellenistica”

Piazza De Nava reggio calabria

La Fondazione Mediterranea e il Comitato Piazza De Nava chiedono una mappatura del sottosuolo prima di iniziare i lavori di demolizione della storica piazza De Nava, perché appena iniziati “potrebbero essere interrotti per il ritrovamento di importanti reperti archeologici”

I lavori di demolizione di piazza De Nava di Reggio Calabria, progettati dalla Soprintendenza per edificare uno “spazio ampio” in cui tenere “mostre ed eventi folkloristici”, rischiano di “rimanere un’incompiuta”. E’ quanto denunciano la Fondazione Mediterranea e il Comitato Piazza De Nava, che spiegano come le operazioni, appena iniziate, “potrebbero essere interrotte per il ritrovamento di importanti reperti archeologici”. È un fatto reale, infatti, la presenza di una necropoli ellenistica appena sotto il livello di calpestio innanzi al Museo ma, secondo le associazioni civiche reggine, “non v’è traccia nelle carte progettuali di mappatura del sottosuolo da parte della Soprintendenza”. L’obiettivo è quello di tutelare il bene storico-architettonico al cui centro si staglia il monumento dedicato al mallevadore della ricostruzione reggina dopo il 1908, un’area che secondo i progetti sarebbe completamente modificata.

Reperti di una necropoli ellenistica sotto Piazza De Nava a Reggio Calabria: cosa è presente

Nel 1977, durante lavori di rifacimento della rete fognaria, emerse la presenza di fronte al Museo Archeologico della Magna Graecia di ben sei tombe di età ellenistica, come riportato nella Carta Archeologica prodotta dall’associazione Amici del Museo e dal Comune di Reggio Calabria. In questo documento, la cui acquisizione e studio suggeriamo alla Soprintendenza, si può leggere: “Raggruppamento B, Area II, Necropoli Nord, Sito n. 10, Piazza De Nava, schede a) e b). (…) Oggetto: a1) sei tombe; a2) strato di scarico antico di materiale frammentato. Descrizione: a1) due tombe disposte EW senza cadavere e corredo; delle altre quattro solo resti, per precedenti manomissioni; a2) strato alto fino a metri 3,65 su base sterile sabbiosa. Datazione: a1) del III-II sec. a. C.; a2) databile al I sec. a.C. (…) Segue una descrizione puntuale di dove sono posizionate le tombe: due sul lato mare della trincea all’altezza della 3° e 4° finestra del Museo partendo da nord; quattro sul lato monte; a2) a 1,80 metri di distanza dalle tombe, per una lunghezza di 4 metri, fino all’angolo della v. Romeo”.

La presenza di questa necropoli ellenistica in piazza De Nava, “pur non entrando nel merito di valutazioni etiche ed estetiche e di opportunità, avrebbe dovuto imporre quantomeno una pausa di riflessione sull’idea di stravolgere l’attuale impianto storico della piazza – affermano le associazioni civiche – . La legge, peraltro, sulla questione è chiarissima. Art. 733 del Codice Penale (R. D. del 19 ottobre 1930 n. 1398 aggiornato al 29 aprile 2022) Danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale: chiunque distrugge o deteriora o comunque danneggia un monumento (…) di cui gli sia noto il rilevante pregio, è punito, se dal fatto deriva un nocumento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale con l’arresto fino a un anno (…)”.

Lavori di demolizione Piazza De Nava: la proposta delle associazioni civiche prima dell’inizio dei lavori

“Stando così le cose – insistono ancora la Fondazione Mediterranea e il Comitato Piazza De Nava – , con una gara già espletata e i lavori già assegnati, cosa sarebbe opportuno fare da parte della Soprintendenza? Non dovremmo essere noi a suggerirlo ma, oltre al comune buon senso, gli studi che certamente i dirigenti della Soprintendenza avranno fatto. Comunque, giusto per non sbagliare, diciamo ciò che andrebbe fatto. Al giorno d’oggi vi sono delle metodiche di analisi del sottosuolo talmente precise che poco lasciano all’immaginazione. Mi riferisco all’uso di prospezioni geofisiche indirette (geoelettriche, radar, elettromagnetiche e magnetiche) come anche dell’uso del classico carotaggio. Nel nostro caso basterebbe un buon georadar, ovvero un radar a penetrazione del suolo, GPR (Ground Probing Radar), che fornisce all’archeologo un mezzo di rilevazione attendibile e preciso ma non intrusivo il sottosuolo. Visto che sappiamo della presenza della necropoli, non sarebbe stato doveroso, prima di progettare la demolizione della piazza e la sua ricostruzione, effettuare un’analisi del terreno e una mappatura del sottosuolo quantomeno con un semplice georadar?”.

“Se non è stato fatto prima (non v’è traccia di analisi nel progetto preliminare né in quello definitivo né in quello operativo), non sarebbe il caso di effettuare comunque una mappatura del sottosuolo prima di iniziare i lavori di demolizione della storica piazza De Nava? La progettata fontana a zampilli, che dovrebbe sostituire il demolendo perimetro in stile razionalista, con i suoi tubi di carico e scarico idrico, è progettualmente compatibile con la sottostante tomba ellenistica? Le fondamenta dell’altissimo palo d’illuminazione saranno posizionate in un interno funerario?        Dobbiamo aspettare che la Soprintendenza sia costretta a bloccare i lavori demolitivi che lei sessa ha progettato? O non sarebbe meglio pensarci prima?”, conclude la nota delle associazioni.