fbpx

Tao Geoghegan Hart vince il Giro d’Italia 2020! Cronometro da batticuore, Hindley battuto di 39 secondi

Tao Geoghegan Hart vince il Giro d’Italia 2020: il ciclista britannico stacca di 39 secondi Jai Hindley nella cronometro finale di Milano

Ci siamo. La terza domenica del Giro d’Italia 2020, quella che coincide con l’ultima tappa. Tre settimane di corse, fatica ed emozioni a più non posso sulle strade italiane. Ventunesima tappa più attesa che mai, non la solita passerella, ma una cronometro che parte da Cernusco sul Naviglio e termina a Milano, 15.7 chilometri che hanno assegnato il ‘Trofeo Senza Fine’. Lotta più aperta che mai con Jai Hindley in maglia rosa di qualche centesimo di secondo su Tao Geoghegan Hart, entrambi partiti con lo stesso tempo nella tappa di oggi. Il britannico era favorito alla vigilia, complice la sua maggior adattabilità al percorso e non ha deluso le attese: Tao Geoghegan Hart ha vinto il Giro d’Italia 2020, l’unico senza mai aver indossato la maglia rosa durante la corsa, il secondo britannico dopo Chris Froome.

Secondo posto per Jai Hindley fermatosi a 39 secondi di distacco. Amaro in bocca per Wilco Kelderman che completa una ottima cronometro che però gli vale solo il terzo posto in classifica generale. Successo di tappa andato al solito Filippo Ganna che ha monopolizzato tutte le cronometro della 103ª edizione della Corsa Rosa. Si conferma un ciclista da tenere d’occhio Joao Almeida che, dopo aver mantenuto la maglia rosa per diversi giorni, chiude in 4ª posizione dimostrando di aver sofferto le tappe di montagna molto meno di quanto ci si poteva aspettare. Delude invece Vincenzo Nibali. Lo ‘Squalo’ sembrava il grande favorito del Giro d’Italia 2020 dopo il ko di Geraint Thomas, ma sulle grandi montagne nella terza settimana del Giro, quando avrebbe dovuto venir fuori rispetto ai rivali, il ciclista siciliano non è riuscito a fare la differenza arrendendosi alla carta d’identità e ai nuovi giovani rampanti.

Giro d’Italia 2020 – La classifica generale conclusiva: Geoghegan Hart festeggia, sorpresa Almeida, delude Nibali