“Salva Messina”, De Luca in trasferta a Roma: ecco la bozza del nuovo piano di riequilibrio discussa dal sindaco

 Il sindaco di Messina oggi e domani a Roma per salvare la città dal dissesto, discutere su risanamento, Palagiustizia, nuovo tram: ecco la bozza del nuovo piano di riequilibrio presentato al Ministero degli Interni

Oltre 81 milioni di debiti Atm, e oltre 10 milioni quelli complessivi delle altre partecipe. È quanto emerge dalla lettura della bozza del piano di riequilibrio che il sindaco di Messina ha presentato oggi a Roma. De Luca oggi e domani sarà nella capitale per discutere su temi “da cui dipenderà il destino della città“: primo fra tutti quello di salvare la casse di Palazzo Zanca ed evitare il dissesto. Sulla sua pagina fb il sindaco in trasferta ha appena pubblicato la bozza presentata al Ministero degli Interni:

“Con il “Salva Messina”- commenta il sindaco- avevamo preventivato la necessità di tagliare i costi correnti per almeno 10 milioni di euro e recuperare la medesima cifra sul fronte della lotta all’evasione: non ci eravamo sbagliati!

Purtroppo i debiti ATM al 31 dicembre 2013 sono saliti da 32 a 51 milioni di euro mentre i nuovi debiti ATM prodotti da 2014 in poi sono circa 30 milioni di euro.

In definiva: ATM ha debiti complessi per oltre 81 milioni di euro non coperti da crediti e da fondo rischi.

Gli altri debiti generati dal 2014 in poi dal sistema delle partecipate ammontano ad oltre 10 milioni di euro ma ancora manca il dato definitivo di Messina Ambiente che potrebbe peggiorare questo risultato per altri 5 milioni di euro (mercoledì notte avremo il conto debitoria finale non incluso nel concordato preventivo)”.

Ecco la bozza: